• Sab. Apr 13th, 2024

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

Riapertura scuole, i dubbi e gli ostacoli per la didattica mista

“Professori e presidi: potrebbe essere un’opportunità per non vanificare gli sforzi fatti finora.”

Ma richiede impegno tecnico e pedagogico. Il rischio? Che si torni alla lezione frontale

Con un grosso sforzo si potrebbe fare ma è molto difficoltoso»:

è la sintesi del presidente dell’associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli, sulla possibilità, lanciata dalla ministra Lucia Azzolina, di avviare il nuovo anno scolastico in modalità didattica mista:

metà degli studenti in aula, metà che segue da casa, e ovviamente con un’alternanza tra i gruppi.

Un’idea già lanciata in alcuni piani presentati alla task force del governo, ma che adesso apre una serie di interrogativi sulla fattibilità.

Che tipo di impegno richiederebbe? «Uno sforzo collettivo — spiega Giannelli — da parte delle scuole, delle società che dovrebbero effettuare lavori di cablaggio.

Per rendere gli istituti autonomi dal punto di vista della connessione, dal ministero che dovrebbe erogare i fondi, fino agli enti locali che sono proprietari degli immobili e dovrebbero disporre i lavori».

Solo ostacoli pratici, dunque?

«No, c’è anche un motivo pedagogico — spiega Giannelli — l’impostazione e la conduzione di una lezione in presenza sono diverse da quanto andrebbe fatto a distanza».

È lo stesso tema che pone Dianora Bardi, presidente di ImparaDigitale:

«La lezione presuppone una partecipazione attiva degli studenti, il docente deve seguire il processo di apprendimento.

Una lezione che si svolge contemporaneamente in presenza e a distanza richiede una complessa riorganizzazione della didattica, una progettazione innovativa».

Ci sono dubbi però anche molto più tecnici: come si collega la classe dal vivo agli studenti a casa?

«L’ideale sarebbe avere una telecamera esterna in ogni aula, in modo da mandare la lezione via streaming — spiega Elena Gabbiani, professoressa al liceo Gioia di Piacenza —

Noi abbiamo predisposto un set di aula in un paio di classi, ad esempio per collegarci con una ragazzina in ospedale.