E’ nato in un ospedale di Wuhan il secondo figlio di Li Wenliang.

Il giovane medico eroe che per primo lanciò l’allarme sulla diffusione del coronavirus in Cina.

Loading...

Lo riporta il South China Morning Post.

Li è morto a inizio febbraio dopo aver contratto il virus.

“Marito mio, ci vedi dal paradiso? – ha scritto stamani Fu Xuejie, vedova del dottor Li, su WeChat.

L’ultimo regalo che mi hai fatto è nato oggi.

Lavorerò sodo per amarli e proteggerli”.

Pechino sospende la riapertura delle scuole elementari

Pechino ha sospeso la riapertura delle scuole elementari, per gli allievi di prima, seconda e terza, dopo la conferma di tre nuovi casi di Covid-19 in questi giorni, ha annunciato la Commissione istruzione del comune.

Per gli allievi dei primi tre anni delle elementari il ritorno in classe era previsto lunedì prossimo.

L’allarme di Save the Children: “Tra le vittime in Messico tanti minori”

E Save the Children lancia l’allarme per bambini e giovani in Messico:

“tra il 12 aprile e l’8 giugno, in Messico sono deceduti 52 minori per il coronavirus e il numero di casi di bambini e adolescenti contagiati è aumentato da 84 a 2.622, oltre 30 volte di più in poco meno di due mesi”.

Save the Children esorta il governo messicano ad adottare forti misure di prevenzione per evitare ulteriori infezioni.

Che tengano conto in particolare del benessere dei milioni di bambini le cui famiglie vivono in condizioni di povertà o che non hanno accesso alla protezione sociale.

Genitori con maggiore possibilità di perdere il lavoro, difficoltà di accesso alle cure sanitarie.

Condizioni abitative segnate dall’affollamento e senza la possibilità di mantenere la distanza sociale, li rendono più esposti alla possibilità di essere colpiti.

Inoltre, le persone che non hanno un impiego fisso hanno una maggiore urgenza di andare a lavorare in quanto non lavorare significa niente cibo, il che li rende più esposti a contrarre il virus e a infettare i propri familiari, compresi i bambini.

Fonte Repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *