Come funziona il voto di Maturità 2020 ora che sono cambiate le cose?

Ancora non si hanno notizie certe dal Miur ma ecco quello che sappiamo su valutazione, punti bonus e lode.

Loading...

Esame Maturità 2020: come verrà calcolato il voto e come funzionano bonus e lode

Tra le diverse domande che si pongono i maturandi quest’anno c’è sicuramente quella del voto di Maturità 2020.

Come verrà calcolato? E in che modo si attribuisce il bonus di 5 punti o la lode?

Con i cambiamenti apportati all’Esame di Stato e l’abolizione delle prove scritte, anche la modalità di attribuzione del voto è diversa.

Fino ad adesso si sanno poche cose certe ma, in attesa di conferme dal Miur, vediamo insieme cosa si sa fino ad oggi e quali sono le ipotesi sul tavolo del Ministero.

Voto Maturità 2020: come si calcola ora che è cambiato tutto?

L’orale di Maturità 2020 inizialmente a giugno, precisamente il 17 giugno, così come programmato a settembre.

Oltre a questo cambiamento, c’è quello che riguarda i parametri di assegnazione del voto di Maturità, che comunque ricordiamo sarà in centesimi:

60 voto minimo per la promozione e 100 e lode voto massimo.

Quanto valgono i crediti e quanto l’orale?

In mancanza delle prove scritte, il Miur ha cercato di capire come riformulare il punteggio così da equilibrare bene tutti i fattori di valutazione che i commissari avranno a disposizione.

Un punto di partenza è questo: il colloquio orale non può coprire tutti punti assegnati all’esame di Maturità, cioè 60, perché è un mezzo troppo limitato per avere un peso così grosso sulla valutazione.

Per questo si è deciso di invertire i punteggi tra peso crediti ed esame: i crediti valgono 60 punti e l’orale 40.

Tuttavia, non sappiamo ancora come verranno convertiti i crediti (lo sapremo settimana prossima).

Questa la prima ipotesi:

12 il primo anno del triennio

13 il secondo anno del triennio

35 per l’ultimo anno

Fino all’anno scorso, i commissari potevano decidere di dare fino a 5 punti bonus agli studenti particolarmente meritevoli.

Che però non riuscivano ad ottenere un voto altissimo con la somma dei punti delle prove e dei crediti.

Stessa cosa per la lode, assegnata agli studenti particolarmente meritevoli, arrivati a fine percorso maturità con il massimo dei voti e dei punteggi alle prove.

Cambierà qualcosa quest’anno?

La lode rimane, i punti bonus anche ma non si sa ancora se rimarranno 5 come sempre o saranno un po’ di più per bilanciare i punteggi rimasti scoperti con la mancanza degli scritti.

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *