Regione subisce una frode smisurata con le mascherine cinesi.

Nel mirino ci sono appalti pubblici (fatti con procedure semplificate, quelle dell’emergenza) per almeno 100 milioni di mascherine e un valore di 45 milioni di euro.

Loading...

Domenico Arcuri, commissario all’emergenza Co-vid, si è già rivolto agli avvocati per presentare una denuncia come parte lesa, in seguito al blocco, effettuato da 250 finanzieri, di una frode smisurata
nella fornitura di mascherine chirurgiche alla Protezione civile e alla Regione Toscana.

Arrestati 13 imprenditori cinesi, scoperti 90 lavoratori clandestini, sequestrati milioni di mascherine già confezionate.

Decine di lavoratori sfruttati per produrre milioni di mascherine destinate al dipartimento della Protezione civile e a Estar, la centrale acquisti in sanità della Regione Toscana.

Nasce dagli approfondimenti su un imprenditore cinese occulto – finito da mesi nel mirino della procura di Prato per le sue ditte gestite con dei prestanome – l’inchiesta che ieri ha portato all’arresto in flagranza di reato di 13 imprenditori orientali.

Oltre al danno (economico e fiscale) i timori sanitari:

le mascherine non sarebbero state conformi ai requisiti previsti, dato che l’Istituto superiore di sanità (Iss) aveva espresso parere contrario alla loro produzione e commercializzazione.

Ma la Regione in una nota diffusa in serata ha precisato: «Tutti i prodotti acquistati e distribuiti gratuitamente sono stati testati con esito positivo dal Dipartimento di Chimica dell’Università di Firenze».

L’indagine condotta sul campo dalla Guardia di Finanza è stata nominata «Giochessa», con riferimento alla beffa che le ditte tessili cinesi riconvertite alla produzione di dispostivi di protezione hanno messo in atto.

Durante le perquisizioni sono stati individuati 90 immigrati cinesi irregolari e sono state sequestrate milioni di mascherine la cui consegna alla Protezione civile — spiegano le Fiamme gialle — era in programma proprio oggi.

Protezione civile ed Estar, precisano sempre gli inquirenti, sono parti lese e stanno collaborando all’inchiesta assieme al Dipartimento Prevenzione dell’Asl che ha immediatamente informato il governatore Enrico Rossi:

«Il mio plauso per l’indagine in corso da parte della Finanza.

Sulla base dei risultati dell’indagine, la Regione valuterà se avviare un’azione legale».

L’operazione ha coinvolto ieri 250 finanzieri, che insieme al personale dell’Asl hanno perquisito oltre 30 aziende cinesi del Macrolotto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *