Violenza Domestica: bimbo di 3 anni salva la mamma e fa arrestare il papà violento

È uscito a suonare ai vicini dopo essere stato svegliato in piena notte dalle botte del genitore ubriaco

Loading...

Decisivi i carabinieri: l’uomo era ancora in preda al furore dell’alcol

Limbiate (Monza e Brianza), 27 settembre 2020

Dormiva ed è stato svegliato, in piena notte.

Da urla che ormai, a quanto pare, conosceva fin troppo bene.

Così, di fronte alla mamma aggredita per l’ennesima volta dal papà ubriaco, è uscito sul pianerottolo e ha chiesto aiuto ai vicini.

Riuscendo a salvare la mamma e far arrestare il papà violento.

Ne avrebbe sicuramente fatto volentieri a meno, ma il coraggioso protagonista della vicenda è un bambino di appena 3 anni.

È successo a Limbiate. Con i carabinieri della Tenenza di Cesano Maderno che hanno messo le manette a un uomo di 36 anni, già conosciuto per maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate.

 

 

 

In ospedale, invece, è finita la moglie di 33 anni, aggredita a calci, pugni e persino morsi.

Succede che l’uomo rientra a casa visibilmente ubriaco.

Va in escandescenze. Se la prende con la moglie, iniziando a insultarla.

Ben presto, passa ai fatti.

E la colpisce ripetutamente con calci, pugni, morsi. Il piccolo viene svegliato dalle urla.

Spaventato, va a suonare alla porta dei vicini, chiedendo aiuto.

Da qui, parte la chiamata alle forze dell’ordine.

I carabinieri di Cesano si fiondano sul posto e placano il balordo, non senza difficoltà.

La donna viene portata all’ospedale San Gerardo di Monza, dove viene medicata.

Quindi, decide di farsi coraggio e denuncia il marito: in caserma, racconta anni di vessazioni e violenze.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *