• Mar. Mag 18th, 2021

Terribile lutto nel mondo dello sport: il 18enne è morto durante il Campionato del Mondo

Apr 28, 2021

( di Gabriele G.)  10 giorni di agonia disteso su un lettino d’ospedale prima di lasciare per sempre questo mondo.

È questo ciò che è successo al pugile giordano Rashed Al-Swaisat, deceduto per via dei pesantissimi colpi subiti durante il suo ultimo combattimento disputato a metà aprile in Polonia.

Il giovane era uno dei partecipanti al Campionato del Mondo Juniores.

AVEVA SOLAMENTE 18 ANNI

L’intero mondo della boxe è sotto shock. Il giovane pugile originario della Giordania, Rashed Al-Swaisat, è morto all’età di soli 18 anni mentre praticava la sua più grande passione.

Sarebbero stati i violenti colpi subiti durante il suo ultimo incontro, infatti, a condannarlo qualche giorno dopo alla tragica morte.

I 10 giorni trascorsi sul lettino d’ospedale in bilico tra la vita e la morte si sono così conclusi nel peggior modo possibile.

IL TRAGICO ESITO DELL’INCONTRO

Il pugile giordano Rashed Al-Swaisat era finito al tappeto nel combattimento contro l’estone Anton Winogradow, in un incontro del Campionato del Mondo Juniores.

Chi l’avrebbe mai detto che, al termine di quella serata di spettacolo, il mondo della boxe sarebbe stato costretto a piangere per sempre il suo giovane pugile.

Nel corso del match, tenutosi lo scorso 16 aprile, Rashed è stato atterrato diverse volte. L’ultima combinazione del pugile rivale, però, è risultata fatale per il diciottenne.

Egli, dopo essere finito al tappeto in malo modo, non è più riuscito ad alzarsi, costringendo l’arbitro a fermare il match.

Il pugile, disteso a terra e privo di coscienza, è stato quindi trasportato d’urgenza in ospedale, dove sarebbe poi rimasto in coma per ben 10 giorni, prima di spegnersi definitivamente.

IL MESSAGGIO DI VICINANZA ALLA FAMIGLIA DELLA VITTIMA

Il presidente dell’Associazione Internazionale Boxe Amatori (AIBA) ha voluto dedicare un pensiero allo sfortunato ragazzo. Ecco le parole rilasciate dall’uomo:

– “È con grande tristezza che siamo venuti a conoscenza della morte di Rashed Al-Swaisat, pugile della Giordania ricoverato in ospedale lo scorso 16 aprile dopo il combattimento per la AIBA YWCHs.

Il nostro pensiero va alla sua famiglia, ai suoi amici e ai suoi ex compagni di squadra, a cui porgiamo le nostre più sentite condoglianze”.

ANCHE IL COMITATO OLIMPICO GIORDANO SI È ESPRESSO IN MERITO ALLA VICENDA

Non è rimasto in silenzio nemmeno il Comitato Olimpico giordano, che ha voluto manifestare tutto il suo sconforto per via della tragica vicenda.

Ecco il suo messaggio:

– “Esprimiamo profonda tristezza e profondo dolore per la morte del membro della squadra nazionale giovanile di boxe Rashid Al-Swaisat, che ci ha lasciato per sempre lunedì 26 aprile dopo aver lottato diversi giorni per la sua vita”.