Falso profilo su Facebook: si rischia il carcere

Secondo la Cassazione, basta una caricatura che richiami l’identità di un altro per far scattare il reato di sostituzione di persona.

Loading...

Si chiama «sostituzione di persona» ed è reato. Pertanto, si può finire in carcere.

Ecco cosa rischia chi crea un falso profilo su Facebook mettendoci la foto di un altro soggetto, fosse anche una caricatura o un disegno che richiami i suoi tratti somatici e lo renda identificabile.

Lo ha stabilito la Cassazione con una sentenza appena depositata [1].

Secondo gli ermellini, il reato viene commesso nel momento in cui avviene «l’illegittima sostituzione della propria all’altrui persona».

Cioè nel momento in cui si dichiara di essere l’utente che si vede, non l’utente che, in realtà si è.

Su Facebook, come su Instagram o qualsiasi altro social network.

Peggio ancora se lo scopo del falso profilo sul social è quello di rovinare la reputazione della persona di cui si sono presi a sua insaputa i connotati:

subentra a questo punto la diffamazione aggravata, in quanto è stata arrecata un’offesa «con qualsiasi altro mezzo di pubblicità» diverso dalla stampa.

Nello specifico, sancisce la Cassazione, il reato di sostituzione di persona scatta quando:

«la condotta di colui che crea e utilizza un profilo su social network, utilizzando abusivamente l’immagine di una persona del tutto inconsapevole, associata a un nickname di fantasia e a caratteristiche personali negative.

E la descrizione di un profilo poco lusinghiero sui social network evidenzia sia il fine di vantaggio, consistente nell’agevolazione delle comunicazioni e degli scambi di contenuti in rete.

Sia il fine di danno per il terzo, di cui è abusivamente utilizzata l’immagine».

Di recente, Facebook aveva annunciato la creazione di un Comitato di controllo, l’Oversigt Board che avrà il compito di valutare se un post.

Un video o qualsiasi altro tipo di contenuto pubblicato sui social del gruppo Facebook (compreso Instagram) deve essere rimosso dalla Rete perché offende, molesta o incita all’odio.

Lo stesso succederà con i profili falsi, socialmente pericolosi o ritenuti non adatti.

fonte 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *