Si tratta di un uomo che non aveva mai viaggiato in Cina.

Sarebbe la conferma che il Covid 19 aveva cominciato a diffondersi in Europa prima dell’allerta di Pechino all’Oms

PARIGI –

Loading...

A poche ore dal nuovo affondo americano contro la Cina sull’origine del virus, arriva dalla Francia una notizia che potrebbe rafforzare i sospetti.

È stato infatti accertato un caso di Covid 19 già il 27 dicembre, quasi un mese prima del primo contagio ufficiale (24 gennaio) registrato Oltralpe.

L’ha scoperto l’ospedale Jean-Verdier di Bondy, nella banlieue di Parigi, dove sono stati riesaminati i tamponi di pazienti ricoverati con polmonite a dicembre.

Andando a cercare negli archivi dei test fatti all’epoca per cercare altri virus, sono state trovate a sorpresa tracce del Covid 19.

“Abbiamo verificato a posteriori 24 pazienti affetti da polmonite ed è stato trovato un positivo”.

Ha raccontato Yves Cohen, responsabile del reparto di terapia intensiva dell’ospedale della regione parigina e autore della ricerca che sarà pubblicata su una rivista scientifica.

Si tratta di un francese di cinquant’anni che non aveva mai viaggiato in Cina.

Nel frattempo l’uomo è guarito e sta bene. “Ha contagiato i suoi due figli ma anche loro stanno bene” ha detto Cohen.

La moglie non è stata malata, i medici ipotizzano che sia stata portatrice sana del virus.

La donna lavora infatti in un supermercato accanto a un reparto sushi in cui sono presenti anche dipendenti cinesi.

È da riscrivere dunque la cronologia dell’epidemia in Francia, primo Paese europeo a dichiarare il 24 gennaio il ricovero di pazienti Covid 19.

All’epoca si trattava di cittadini cinesi: una coppia di turisti e un imprenditore curati tra Parigi e Bordeaux.

Per molto tempo le ricerche del paziente zero si erano concentrate nell’Oise, a nord di Parigi, dove c’è stato uno dei primi focolai:

l’inchiesta epidemiologica era risalita a casi fino a metà gennaio.

Già l’Institut Pasteur aveva concluso da studi sulle caratteristiche genetiche del virus che la circolazione “silenziosa” era cominciata a gennaio.

Ora la catena di trasmissione risale addirittura al mese di dicembre.

Sarebbe la conferma che il virus aveva cominciato a diffondersi in Europa ben prima dell’allerta di Pechino all’Oms.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *