Un uomo di 56 anni, nella mattinata di oggi a Milano, ha accoltellato la moglie e la suocera e successivamente ha provato a togliersi la vita.

Avrebbe tentato di uccidere la moglie e la suocera colpendole con diverse coltellate.

Loading...

Ad allertare i soccorsi è stato lo stesso 56enne che poi avrebbe provato a togliersi la vita ferendosi con il coltello.

Sul posto sono arrivati i sanitari del 118 che hanno trasportato i tre in ospedale: le due donne sono state ricoverate in condizioni gravissime, mentre all’uomo sono state riscontrate lievi ferite.

Su quanto accaduto stanno indagando i carabinieri arrivati presso l’appartamento teatro del tragico episodio.

Ha aggredito la moglie e la suocera colpendole con diverse coltellate, poi ha chiamato i soccorsi prima di provare a togliersi la vita.

Questo è quanto sarebbe stato messo in atto da un uomo di 56 anni questa mattina, domenica 22 novembre, in un appartamento di via Lambruschini, nella periferia di Milano.

Stando ad una prima ricostruzione, riportata dalla redazione de Il Messaggero, l’uomo avrebbe sferrato diverse coltellate contro la coniuge e la suocera, rispettivamente di 62 e 90 anni, poi ha chiamato il 118 spiegando quanto accaduto ed infine avrebbe provato il suicidio

Presso l’appartamento è arrivato il personale medico del 118 che ha prestato le prime cure alle donne e le ha trasportate d’urgenza presso l’ospedale Niguarda del capoluogo lombardo.

Le due vittime, riporta Il Messaggero, sarebbero state ricoverate in condizioni gravissime. Anche l’uomo è stato portato in ospedale, dove gli sono state riscontrate ferite non gravi.

Intervenuti anche i carabinieri della compagnia Magenta e del Radiomobile di Milano che hanno provveduto ai primi accertamenti per ricostruire il terribile episodio.

Al vaglio degli inquirenti anche il movente che possa aver spinto il 56enne a compiere un simile gesto.

Il 56enne verrà ascoltato, riporta Il Messaggero, non appena le sue condizioni lo permetteranno.

Al momento non è esclusa nessuna ipotesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *