Le autorità di tutto il mondo hanno sollecitato i cittadini a rimanere nelle loro case.

Ma nel centro di Monterrey, in Messico, un gran numero di persone ha continuato a vagare per le strade, nonostante il crescente numero di casi di covid-19.

Loading...

Quindi un supereroe ha deciso di salire sulla scena per aiutare le autorità a mantenere le persone nelle loro case come parte di un piano di distacco sociale per rallentare la diffusione del nuovo coronavirus.

Un Batman della vita reale, che indossa l’iconico costume da supereroe DC e guida una versione personalizzata della Batmobil.

Questo Batman pattuglia le strade della città e chiede alle persone di rimanere a casa in quarantena.

L’uomo non identificato ha trascorso le sue giornate diffondendo un messaggio preregistrato dalla sua Batmobile.

Incoraggiando le persone a minimizzare l’interazione fisica:

“Ehi tu! Resta a casa, prova a uscire il meno possibile e insieme saremo supereroi contro il coronavirus. No Posso fare questo lavoro da solo “.

Non è chiaro come le autorità di Monterrey sentano di essere aiutate da un vigilante civile mascherato, ma finora la polizia ha lasciato spazio solo a Batman messicano.

Ha anche rilasciato interviste a vari canali di notizie.

Esprimendo la sua incredulità per le famiglie che continuano a partire nonostante gli avvertimenti ufficiali e incoraggiando le persone in città a obbedirle in futuro.

“Oggi ho visto intere famiglie, con bambini [per le strade].

Anche se il governo ha detto alla gente che dovrebbero rimanere a casa, vedi comunque gente per strada che agisce come se nulla stesse accadendo ”,

ha lamentato il supereroe.

Non è la prima volta che l’eroe agisce.

Prima del coronavirus, Batman di Monterrey è stato visto altre volte compiere azioni di solidarietà.

Un video di YouTube pubblicato un anno fa mostra il supereroe della vita reale che lascia la stessa Batmobile, accompagnato da un ragazzo vestito da Robin.

I due supereroi erano per le strade per portare regali per bambini con disabilità e poi fare foto con altri giovani del quartiere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *