• Dom. Dic 5th, 2021

ZANZARA MORTALE: Cos’è l’encefalite equina orientale?

La zanzara Culex, o zanzara della casa meridionale, può trasmettere l’encefalite equina orientale.

Un’altra malattia trasmessa dalle zanzare sta facendo notizia mentre l’insetto fastidioso continua a guadagnarsi la reputazione di animale più mortale del mondo .

Il virus dell’encefalite equina orientale (EEE) è stato confermato in otto stati quest’anno, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

A metà novembre 2019, il CDC ha riportato 36 casi – di cui 12 in Massachusetts e 10 in Michigan – con 13 morti finora.

Cos’è l’encefalite equina orientale?

Secondo il CDC , il virus EEE può causare encefalite, che è un’infiammazione rara del cervello.

Negli Stati Uniti, di solito ci sono solo da 5 a 10 casi di AEE segnalati ogni anno.

Può essere trasmesso solo dal morso di una zanzara infetta.

Alcune delle zanzare che possono diffondere il virus nell’uomo includono le specie Aedes, Coquillettidia e Culex.

Le AEE non possono essere diffuse da persona a persona o da cavalli a persone.

La malattia fu riconosciuta per la prima volta nel 1831 quando 75 cavalli morirono di una condizione simile in Massachusetts.

Secondo una newsletter della Purdue University, redatta dal virologo Dr. Roman Pogranichniy.

Il virus è stato isolato due anni dopo quando si è verificato un significativo focolaio di encefalomielite nei cavalli in alcune parti del Delaware, Maryland, New Jersey e Virginia, lungo la costa.

Sintomi di EEE

I primi sintomi di EEE sono molto simili all’influenza. Spesso iniziano con mal di testa, febbre alta, brividi, dolori muscolari e vomito.

La malattia può progredire con sintomi più gravi tra cui convulsioni, disorientamento e coma.

Circa un terzo di coloro che ottengono il virus muoiono, secondo il CDC.

Molti di quelli che sopravvivono possono avere un danno cerebrale da lieve a grave.

Chi è a rischio di AEE?

La maggior parte dei casi di AEE sono stati segnalati dalla costa del Golfo e dagli stati atlantici, sebbene il virus sia stato trovato anche nell’area dei Grandi Laghi e disperso in tutto il paese.

È più comunemente contratto tra la fine della primavera e l’inizio dell’autunno, riferisce il CDC.

Chiunque si trovi in ​​un’area in cui il virus si sta diffondendo può essere infettato.

Il rischio è maggiore per le persone che trascorrono più tempo all’aperto, in particolare nelle aree in cui sono presenti zanzare.

C’è un trattamento?

Sebbene esista un vaccino efficace per i cavalli, non esiste un vaccino EEE per le persone.

Inoltre, non esiste un trattamento antivirale specifico per l’EEE, quindi l’unico trattamento è la terapia di supporto e, ovviamente, la prevenzione.

Proteggi e uccidi le zanzare usando repellenti per insetti, ventilatori, indumenti protettivi e misure preventive per impedire loro di riprodursi nel tuo cortile.

“La chiave per rimanere al sicuro è la protezione”, ha affermato Sam Telford , professore alla Cummings School of Veterinary Medicine della Tufts University ed esperto di malattie diffuse da zecche e zanzare.

“Anche se l’EEE è rara, non c’è modo di sapere dove e quando può colpire. “

Segui Doodles anche su Facebook 👈👈👈👈