Tutto il mondo è stretto intorno ad Alex Zanardi, dopo l’incidente che l’ha visto coinvolto lo scorso venerdì pomeriggio.

Operato d’urgenza, l’atleta si trova in terapia intensiva, monitorato dai medici che analizzano giorno per giorno le sue condizioni di salute.

Loading...

A tal proposito alle 12:00 è stato rilasciato il consueto bollettino sullo status di Alex Zanardi, dove si afferma che le sue condizioni restano stabili.

La terza notte in degenza in terapia intensiva è trascorsa invariata, con le condizioni cliniche che rimangono invariate nei parametri cardio-respiratori e metabolici, mentre resta grave il quadro neurologico.

Attualmente Alex Zanardi è sedato, intubato e ventilato meccanicamente e la prognosi resta riservata.

Nei prossimi giorni l’equipe di medici deciderà le azioni diagnostiche-terapeutiche da intraprendere.

Il prossimo bollettino sulle condizioni del quattro volte medaglia d’oro sarà rilasciato alle 12:00 del 23 giugno.

Scoletta: “Abbiamo bisogno di tempo per valutare Zanardi

Ai microfoni della trasmissione Agorà, in onda su Rai 3, è intervenuto il responsabile dell’emergenza-urgenza dell’ospedale Le Scotte di Siena, Sabino Scolletta che ha confermato:

“La notte tra domenica e lunedì è passata tranquilla, siamo fiduciosi.

Il percorso non sarà breve, avremo bisogno di tempo per valutare Zanardi nelle prossime settimane“.

Scolletta ha spiegato che sono “buoni i parametri cardiovascolari, respiratori e metabolici“, ma “serve cautela, il cambiamento potrebbe essere repentino“.

Sull’ipotesi che venga ridotta gradualmente, già dalle prossime ore, la sedazione a cui è sottoposto Zanardi, per arrivare al risveglio che permetterebbe di valutare il danno neurologico, il medico ha mostrato molta cautela:

“Risveglio? Pensiamo più nei prossimi giorni che nelle prossime ore.

Al cervello serve tempo e riposo“ ha concluso il responsabile.

Fonte 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *