• Mar. Mag 18th, 2021

Tragico incidente: Andrea, infermiere muore mentre torna dal lavoro

Apr 13, 2021

( di Gabriele G.) Aveva appena terminato il turno di notte e si stava dirigendo verso casa.

Andrea Esposito, un infermiere 46enne dell’ospedale Ferdinando Veneziale di Isernia (Molise), ha perso la vita domenica mattina all’alba, per via di un violento schianto contro il guardrail.

L’incidente è avvenuto lungo la strada statale 85, nei pressi del comune di Venafro.

Secondo quanto trapelato nelle ultime ore, il 46enne avrebbe perso il controllo del veicolo, probabilmente a causa di un improvviso colpo di sonno.

L’INUTILE TENTATIVO DI RIANIMAZIONE

La macchina coinvolta nel violento scontro era una Citroen C3. A bordo di essa, vi era Andrea Esposito, intento a tornare a casa dopo aver svolto il servizio notturno.

Purtroppo, però, le cose sono andate diversamente. Il 46enne, durante il tragitto, ha infatti perso il controllo del proprio veicolo e, nei pressi della strada statale 85, si è consumata la tragedia: l’auto si è schiantata contro il guardrail, non lasciando alcuno scampo ad Andrea.

Nonostante il personale medico sia giunto tempestivamente sul luogo dell’incidente e, nel corso del tragitto che portava all’ospedale abbia tentato diverse volte di rianimare l’uomo, per quest’ultimo non c’è stato nulla da fare.

Il 46enne è stato dichiarato morto immediatamente dopo l’arrivo in ospedale.

L’INFERMIERE AVEVA APPENA INIZIATO A LAVORARE ALL’OSPEDALE FERDINANDO VENEZIALE DI ISERNIA

Il tragico incidente si è verificato all’alba di domenica 11 aprile. È stato proprio quel drammatico evento a impedire all’uomo il rientro presso la propria abitazione.

Stando a quanto ricostruito sino ad ora dalle forze dell’ordine, sembrerebbe che l’infermiere avesse appena terminato il proprio turno di lavoro presso l’Ospedale Ferdinando Veneziale di Isernia.

L’uomo aveva iniziato a lavorare nel reparto di psichiatria da solamente una settimana.

A CAUSARE L’INCIDENTE SEMBREREBBE ESSERE STATO UN COLPO DI SONNO

Andrea Esposito era nato a Napoli ma viveva a Cassino, un comune del Basso Lazio. Secondo le ricostruzioni della polizia locale, a causare il tragico evento sarebbe stato un colpo di sonno.

Tala supposizione sembrerebbe essere la più logica, soprattutto tenendo conto che l’uomo aveva appena concluso il turno di notte.

Se si considera, inoltre, che la distanza che intercorre tra l’ospedale e la sua abitazione è di circa 45 km, l’ipotesi del colpo di sonno pare essere davvero la più ragionevole.

Ma, indipendentemente dalla causa, ciò che è certo è che l’uomo è morto a seguito di un violento impatto contro il guardrail.

Sul posto sono giunti i soccorritori del 118, insieme ai vigili del fuoco e ai carabinieri di Venafro.

Purtroppo, però, per Andrea Esposito non c’era ormai più nulla da fare.