• Mar. Mag 18th, 2021

Ristoranti, palestre e piscine: la possibile data per la riapertura:

Apr 12, 2021

(di Gabriele G.) Le parole di Draghi sono state molto chiare: nessuna data certa per quanto riguarda le riaperture.

Tuttavia, se il prossimo monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) dovesse rilevare una riduzione dei contagi, in tal caso si potrebbe pensare di procedere con una graduale riapertura.

Questo discorso, però, sarà valido solamente per quelle regioni che faranno registrare numeri da zona gialla.

La priorità sembrerebbe essere la riapertura dei bar e dei ristoranti, specie se dispongono di tavoli all’aperto.

Tuttavia, sembrerebbe in arrivo un protocollo nuovo anche per le palestre, le piscine, i cinema e i teatri, ormai chiusi da diversi mesi.

IL PRUDENTE PIANO D’AZIONE

La pandemia del Covid-19 ha messo in ginocchio il mondo intero. Bar, ristoranti, cinema, teatri, palestre e piscine sono solamente alcune delle attività sacrificate in seguito all’insorgere del virus.

Ad oggi, dopo oltre un anno di chiusure generali, l’obiettivo sembrerebbe essere quello di permettere la riapertura di tutte le attività sacrificate.

Tuttavia, per fare ciò bisognerà seguire un piano d’azione ben preciso, in modo tale da coordinare in modo coerente l’uscita dalla pandemia. Un ruolo centrale lo avranno i vaccini.

DA TENER D’OCCHIO IL 20 APRILE

Come anticipato ad inizio articolo, il presidente del consiglio Mario Draghi non ha ufficializzato alcuna data in merito alle riaperture. Tuttavia, una data da cerchiare in rosso ci sarebbe: stiamo parlando del 20 aprile.

Già venerdì 16 aprile, però, potrebbe rivelarsi una data decisiva.

Infatti, sarà questo il giorno in cui verrà eseguito il monitoraggio da parte dell’ISS, dal quale si ricaveranno dati aggiornati.

Quest’ultimi daranno sicuramente notizie precise circa la situazione di ciascuna regione e potrebbero fare la differenza, dando quindi il via alle riaperture.

Le Regioni, che hanno appena eletto come nuovo presidente della Conferenza il leghista Massimiliano Fedriga, chiedono un piano organizzativo che parta proprio dal 20 aprile.

IL NUOVO PROTOCOLLO PER L’ACCESSO AI CINEMA E AI TEATRI

In cima alla lista delle priorità ci sono ancora bar e ristoranti, che potrebbero tornare ad aprire a pranzo nelle regioni che presenteranno i dati da zona gialla.

Cinema e teatri aspettano invece novità, dopo la promessa disattesa di poter riaprire il 27 marzo.

Per accedere alle sale di quest’ultimi, si pensa ad un rigido protocollo da seguire: mascherina ffp2 per tutti e tampone 48 ore prima dell’ingresso.

In questo modo, sarà possibile accogliere più pubblico contemporaneamente. Le palestre e le piscine, invece, riapriranno con ogni probabilità da inizio maggio.