• Ven. Giu 18th, 2021

Sport in lutto, il campione è morto a 30 anni: era stato messo in coma indotto

Mag 13, 2021

( di Gabriele G.) Il Cile piange un suo giovane atleta: stiamo parlando di Cristopher Mansilla, un ciclista 30enne morto in seguito a delle complicanze dovute al Covid-19.

L’atleta si è spento a distanza di pochi giorni dal suo ultimo post su Facebook, nel quale riportava le seguenti parole: “Vediamo se questo corpo non è del tutto arrugginito e può svegliarsi ancora una volta. Grazie mamma e papà per tutto”.

L’ENNESIMA VITTIMA DEL COVID-19

Il Covid, nella notte di lunedì 10 maggio, si è portato via un altro atleta giovane e nel pieno delle forze.

Questa volta, la tragica notizia arriva direttamente dal Cile: Cristopher Mansilla, un ciclista professionista che avrebbe compiuto 31 anni tra pochi giorni, il 24 maggio, ha perso la vita durante la sua personale battaglia contro il virus.

LA FATALE TROMBOSI POLMONARE

Il ciclista è morto a causa di una trombosi polmonare conseguente al COVID-19, pochi giorni dopo aver annunciato che sarebbe stato messo in coma indotto.

Davvero straziante il suo ultimo messaggio su Facebook, un post del 7 maggio, dal quale trapela la speranza di chi si aggrappa alla vita, ma, al tempo stesso, anche la paura di una fine imminente.

IL DRAMMATICO POST SU FACEBOOK

“Mi indurranno in coma a causa del problema ai polmoni che mi affligge. Vediamo se questo corpo non è del tutto arrugginito e può svegliarsi ancora una volta.

Posso solo ringraziare la mia famiglia, il mio fratellino, mamma e papà per tutto, e gli amici per il loro sostegno. Con questo vi saluto fino alla fine di questa tappa decisiva. Saluti e benedizioni a tutti”.

LE PAROLE DEL MINISTRO DELLO SPORT E DEL COMITATO OLIMPICO CILENO

La tragica fine del ciclista ha colpito profondamente il Cile e, in virtù di ciò, il Ministro dello Sport ha voluto esprimere il cordoglio a nome di tutto il Paese: “Siamo profondamente dispiaciuti per la partenza del nostro amato ciclista Cristopher Mansilla, che ci ha lasciato lunedì 10 maggio all’età di 30 anni”.

Anche il Comitato Olimpico cileno ha pubblicato un messaggio sui propri account social: “Riposa in pace. Dal Team Chile ci rammarichiamo per la morte di Christopher Mansilla, un eccezionale ciclista di soli 30 anni e pluripremiato panamericano”.

I GRANDI TRAGUARDI SPORTIVI CONSEGUITI DAL GIOVANE CICLISTA

Mansilla aveva partecipato ai Mondiali su pista nel 2012, ma fu nei Giochi Panamericani su pista che raccolse i risultati più prestigiosi, onorando al meglio la bandiera del suo Cile.

Il suo palmarès vanta due ori nell’Americana (2011 e 2012), due argenti nello Scratch e nell’Omnium (rispettivamente nel 2011 e nel 2014), oltre a due bronzi, sempre nello Scratch, nel 2014 e nel 2015.

Il giovane atleta vinse anche un oro nel 2008 e un bronzo nel 2009, nella specialità sprint a squadre.