Sapete dove finiscono le mascherine usate?

E sapreste dire quante mascherine monouso vengono usate ogni mese nel mondo? Dite un numero

Loading...

I vari tipi di mascherine arrivati sul mercato in seguito alla pandemia sono diventati una presenza costante nella nostra vita quotidiana, e con ogni probabilità lo resteranno per mesi.

Dopo tante discussioni sulla loro utilità, reperibilità, prezzo e modi d’uso, in questi giorni in Italia si è tornati a parlare del loro impatto sull’ambiente.

Le mascherine, spesso usa e getta, sono infatti un rifiuto da smaltire nelle discariche o attraverso la distruzione negli inceneritori o nei termovalorizzatori (gli inceneritori in cui il calore prodotto dalla combustione dei rifiuti è utilizzato per produrre energia).

Il tema è tornato su siti e giornali dopo che l’associazione francese Opération Mer Propre ha sostenuto che nei mari ci sarebbero già ora «più mascherine che meduse».

E con l’inizio della scuola il WWF ha raccomandato di non disperderle nell’ambiente.

In certi casi è stato evidenziato l’impatto ambientale relativo all’incenerimento o allo smaltimento delle mascherine (comunque una piccola parte dei rifiuti totali).

In altri casi, invece, al rischio di contagio per chi deve recuperare, trasportare e gestire i rifiuti indifferenziati (che finora sembrano essere minimi).

Le quantità in ballo

Non esistono numeri certi su quante mascherine siano state prodotte, vendute o usate nel mondo dall’inizio della pandemia.

Ma secondo uno studio pubblicato su Environmental Science and Technology e citato da Reuters, dall’inizio della pandemia sono state usate nel mondo ogni mese almeno 129 miliardi di maschere monouso.

Alle quali vanno poi aggiunte mascherine di altro tipo e altri dispositivi di protezione individuale, come i guanti.

Limitandosi all’Italia, a maggio l’ISPRA (l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale).

Aveva stimato per tutto il 2020 una produzione totale da un minimo di 160mila tonnellate a un massimo di 440mila tonnellate di guanti e mascherine.

Per mettere le cose in prospettiva, quest’anno – considerando anche una diminuzione durante i mesi del lockdown – in Italia i rifiuti urbani complessivi saranno poco più di 30 milioni di tonnellate.

Le mascherine vanno nell’indifferenziata
Come spiegato a maggio dall’Istituto Superiore di Sanità (l’ISS).

Le mascherine vanno nella spazzatura generica (l’indifferenziata) per via dei materiali di cui sono fatte, ma ancora di più perché ogni mascherina è potenzialmente infetta.

Lo stesso vale, tra l’altro, anche per la carta per usi igienici e domestici (come fazzoletti, tovaglioli e carta in rotoli):

rifiuti che in molti casi potrebbero essere riciclati, ma che per precauzione l’ISS ha invitato a buttare nell’indifferenziata.

Nel caso di «utenze domestiche in cui sono presenti soggetti positivi al tampone, in isolamento o in quarantena obbligatoria».

L’ISS ha spiegato anche che andrebbe sospesa la differenziazione dei rifiuti gettando tutto nell’indifferenziata.

E che «per ulteriore precauzione» le mascherine usate da soggetti positivi a tampone o in isolamento andrebbero messe in un sacchetto che va chiuso prima di essere buttato in un altro sacchetto, per evitare che quelle mascherine entrino in contatto con altri rifiuti.

Esistono poi regole specifiche per lo smaltimento delle mascherine usate negli ospedali, che esistevano da prima della pandemia.

– Leggi anche: Come usare le mascherine, spiegato bene

Le mascherine arrivano negli inceneritori o nelle discariche

Una volta gettate nell’indifferenziata e ritirate da chi di dovere, le mascherine arrivano agli inceneritori e ai termovalorizzatori oppure alle discariche, insieme a tutti gli altri rifiuti che non possono essere riciclati.

Nel primo caso, le mascherine si uniscono alle circa 5 milioni di tonnellate di rifiuti italiani che ogni anno finiscono negli inceneritori.

Nel secondo caso – per esempio quello delle regioni senza inceneritori, che in Italia sono 40 e quasi tutti al Nord – le mascherine vanno nelle discariche, così come ogni anno vanno circa 6 milioni di tonnellate di altri rifiuti.

Al loro arrivo nelle discariche le mascherine – insieme con gli altri rifiuti – sono processate, sterilizzate e stoccate.

Come ha spiegato l’ISPRA, tutto questo viene fatto «secondo le consuete modalità di trattamento, applicando le necessarie precauzioni finalizzate ad evitare la manipolazione diretta dei rifiuti da parte degli operatori».

Anche nel caso degli inceneritori le mascherine vengono trattate come gli altri rifiuti.

Come ha spiegato AGI, «i rifiuti che arrivano a bordo dei camion vengono inizialmente sottoposti a un controllo radiogeno».

E «nel caso in cui il valore di radioattività sia superiore a quello stabilito per legge si attende che l’elemento decada fino a scendere sotto la soglia stabilita».

I rifiuti sono poi messi «in una fossa profonda decine di metri» e, una volta pronti, sono bruciati a temperature «sufficienti ad azzerare la carica virale degli oggetti».

Dal punto di vista delle procedure, dunque, le mascherine non creano grossi problemi: e nemmeno dal punto di vista della quantità di materiale da trattare o bruciare.

Tra l’altro, come ha spiegato Valeria Frittelloni, responsabile ISPRA del Centro nazionale dei rifiuti e dell’economia circolare, viste le evoluzioni nell’uso delle mascherine da maggio a oggi, «siamo più vicini al margine basso della forbice» ipotizzata a maggio (quindi più vicini a 160mila tonnellate annue, che non a 440mila).

E già quelle stime dimostravano che anche «nella peggiore condizione possibile il sistema distributivo avrebbe retto».

A group of doctors talking about corona virus on conference.

Cosa si può fare

Il progressivo ricorso alle mascherine lavabili ha contribuito a migliorare le cose, diminuendo il numero di quelle monouso in circolazione.

Ma è bene ricordare che quelle di stoffa devono essere lavate di frequente e che è sempre importante verificare la loro efficacia nel ridurre il rischio di esposizione al coronavirus.

Sono poi allo studio nuovi tipi di mascherine, probabilmente meno problematiche per l’ambiente.

In questi giorni, per esempio, si è parlato di quella in canapa, quindi compostabile, prodotta dall’azienda francese Geochanvr.

Frittelloni ha parlato di «tavoli aperti» e «progetti allo studio del ministero dell’Ambiente» per «sistemi di raccolta sperimentale» delle mascherine.

Resterebbe però il problema dovuto al loro riciclaggio: per questioni sanitarie ma anche perché servirebbero appositi impianti.

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *