Il capo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, David Beasley, ha assicurato che 130 milioni di persone potrebbero essere a rischio di fame a causa della pandemia.

IN SINTESI:

Secondo Beasley, nel 2020 ci doveva essere “la peggiore crisi umanitaria dalla seconda guerra mondiale” prima dell’inizio della pandemia

Loading...

Il capo del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite , David Beasley, ha assicurato che;

gli effetti economici della crisi del coronavirus potrebbero essere molto negativi “una catastrofe umanitaria “mai visto nella nostra vita.

L’agenzia stima che il coronavirus potrebbe mettere a rischio della fame circa 130 milioni di persone , aggiungendosi ai 135 milioni che già si trovano in quella situazione per altri motivi.

David Beasley ha assicurato, in un’intervista, di aver già avvisato i leader mondiali.

Avvisati che, nel 2020, “la peggiore crisi umanitaria dalla seconda guerra mondiale” avrebbe avuto luogo a seguito di guerre in paesi come il Sud Sudan, Yemen o Siria o gli effetti del cambiamento climatico, tra le altre situazioni.

“Pensavo a tutto ciò anche prima del coronavirus”, spiega Beasley, aggiungendo che la pandemia è arrivata in un momento in cui il sistema umanitario è “molto fragile” e che i suoi effetti “rovineranno” il mondo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *