• Gio. Feb 29th, 2024

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

Mascherine e guanti in mare: “40 MILA KG di plastica in natura, è allarme ambientale ”

Il WWF fa appello alla responsabilità dei cittadini e alle istituzioni per una corretta raccolta differenziata di mascherine e guanti.

Potrebbe essere ennesimo disastro ambientale.

Mascherine e guanti in mare: è allarme ambientale

L’uso quotidiano di mascherine e guanti ha sollevato la questione di come smaltire questi strumenti di protezione.

Sono gettati un po’ ovunque, in giro per le strade e nei pressi dei supermercati e persino in mare.

Comportamenti che mettono a rischio l’intera collettività, l’ambiente e che avvelenano il nostro mare.

Questo dimostra che l’inciviltà dei cittadini non si ferma neanche di fronte ad una pandemia ed è allarme ambientale.

Guanti e mascherine potrebbero finire in mare.

TUTTI SIAMO RESPONSABILI

Secondo una stima del Politecnico di Torino, riportata dal Panda nazionale, durante la Fase 2 serviranno mensilmente 1 miliardo di mascherine e mezzo miliardo di guanti.

Si tratta di un quantitativi assai elevati che necessitano di un forte senso di responsabilità da parte di chi ne fa uso.

Ma bisogna fare molta attenzione che mascherine e guanti non finiscano in mare e non inquinino.

LA CATASTROFICA DISPERSIONE DELL’AMBIENTE

Sarà importante smaltire correttamente questi dispositivi di protezione perché, come conferma la Presidente del WWF Donatella Bianchi: