A Sennori, centro vicino a Sassari, le anziane sono protagoniste di una campagna con le regole per prevenire i contagi

A Sennori, centro vicino a Sassari, ci sono due ultracentenarie fra le testimonial della campagna di informazione e sensibilizzazione #ResistiamoinsiemeSennori, lanciata dal Comune in collaborazione con l’associazione culturale Inschibboleth, per affrontare l’emergenza Covid-19.

I volti, coperti dalla mascherina, di Giovanna Ogana, 104 anni, Antonina Piga, 102 anni e Giacomina Fois, 98 anni, compaiono nelle immagini della campagna e nei manifesti che saranno affissi per le strade del paese.

Loading...

Per invitare gli abitanti del paese a rispettare le regole di base per evitare la diffusione del virus:

usare la mascherina, lavarsi spesso le mani con acqua e sapone, mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro, non toccarsi il viso con le mani.

“Chiamatela mascherina, noi la chiamiamo Rispetto e Amore”, è il messaggio che accompagna le immagini.

“Vogliamo stare vicini ai nostri concittadini e far capire che indossare la mascherina e adottare tutte le altre misure di prudenza e sicurezza.

È  un gesto che dobbiamo fare prima di tutto per rispettare e preservare la salute degli anziani, e in generale delle persone più deboli della nostra comunità”.

Spiega l’assessora comunale alla Cultura, Elena Cornalis, “persone che potrebbero non superare le conseguenze di un contagio da Covid-19”.

Negli scatti fotografici, oltre alle ultracentenarie, appariranno anche il sindaco, Nicola Sassu, il parroco, monsignor Salvatore Masia, i direttori dei servizi bancari e postali, e cittadini che per motivi di lavoro o altro sono i più esposti al rischio di contagio.

Completano la campagna installazioni di ‘Street art sociale’ degli artisti locali Ica Spanu e Antonio Salis.

In 140 luoghi sensibili del paese (uffici pubblici, esterno dei supermercati e altri negozi, luoghi di culto) saranno installati distanziatori al suolo, con l’indicazione della distanza di sicurezza da tenere per evitare situazioni di rischio, seguendo le istruzioni del ministero della Salute.

Fonte AGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *