• Lun. Mar 4th, 2024

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

Italia. Scossa di terremoto poco fa

Italia. Scossa di terremoto poco fa

 

 

Questo evento sismico rappresenta la seconda manifestazione di attività tellurica in questa regione, dopo un precedente movimento di minore entità riscontrato ieri.

 

 

 

I dati INGV

 

La Sala Sismica dell’INGV a Roma ha contribuito alla rapida identificazione e catalogazione di questo evento, svolgendo un ruolo essenziale nella gestione e nella disseminazione delle informazioni relative alla sismicità.

 

La scossa di terremoto

 

Una nuova scossa tellurica ha colpito la Val di Susa poco fa, suscitando un senso di apprensione nella popolazione locale.

 

La scossa di questa mattina ha avuto il suo epicentro a Sant’Antonino di Susa, situato nella provincia di Torino.

 

Le misurazioni effettuate hanno registrato una magnitudo di 2,3 gradi sulla scala Richter, con il punto focale del sisma localizzato ad una profondità di circa 16 chilometri sotto la superficie terrestre.

 

Sebbene l’evento abbia generato una certa percezione tra gli abitanti della Valle di Susa, al momento non sono stati riportati danni materiali né feriti a seguito di questa scossa.

 

Le apparecchiature sismiche dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) hanno rilevato chiaramente il movimento tellurico, fornendo dati cruciali per la comprensione e il monitoraggio dell’attività sismica nella regione.

 

La precisione delle misurazioni ha permesso di localizzare con precisione l’epicentro del terremoto, che è stato individuato a circa un chilometro a ovest di Sant’Antonino di Susa, con coordinate geografiche 45.1060 di latitudine e 7.2640 di longitudine.

 

Il terremoto è avvenuto esattamente alle 5:17 del mattino, segnando il calendario del 12 febbraio 2024 con un evento di rilievo.

 

Va notato che anche nella giornata precedente, la regione aveva sperimentato un movimento tellurico di minore intensità.

 

Nel tardo pomeriggio del giorno precedente, esattamente alle 18:18, era stata rilevata una scossa con epicentro situato a circa due chilometri a sud-est dell’abitato di Chiusa San Michele.

 

Quest’area è famosa per la sua sacralità legata alla presenza della Sacra di San Michele. La profondità della scossa era stata stimata a 10,5 chilometri sotto la superficie terrestre, e la magnitudo registrata era di 1,8 gradi sulla scala Richter.

 

Questi eventi sismici pongono l’attenzione sulla necessità di continuare a monitorare attentamente l’attività tellurica in questa regione, soprattutto considerando la sua sensibilità sismica.

 

Le comunità locali, insieme alle autorità competenti, devono mantenere un alto livello di preparazione e pianificazione per affrontare eventuali emergenze sismiche e garantire la sicurezza dei residenti.