Covid, bonus scuola mensile per lavoratori a rischio: la proposta

La proposta arriva da Anief, associazione sindcale che avanza una richiesta: 450 euro in più ogni mese.

Loading...

Secondo il sindacato l’aumento di stipendio compenserebbe il rischio maggiore di contaggio da Covid a cui vengono inevitabilmente esposti gli insegnanti e il personale Ata.

Sarebbe un incentivo mensile.
L’associazione sindacale Anief propone un bonus Covid scuola, destinato a sostenere il personale durante l’epidemia.

Si tratterebbe di un incentivo a cadenza mensile da 450 euro, per lavoratori a rischio.

Il bonus scuola Covid

Insegnanti e personale Ata infatti si espongono ad un maggior rischio di contagio, per questo il sindacato vorrebbe riconosciuta l’indennità per rischio biologico e lavoro gravoso.

Proprio come succede per medici e infermieri, potrebbe arrivare la svolta nei confronti del sistema scolastico, decisamente penalizzato durante l’epidemia Covid.

Negli istituti c’è un alto numero di alunni, per Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, andrebbero quindi considerati come luogo di assembramento.

“Il Covid ci deve far riflettere su diversi aspetti”, ha detto Pacifico, “Il primo problema fondamentale è la presenza di un rischio biologico effettivo a scuola.

Per questo deve essere garantito un assegno non solo al personale sanitario ma anche al personale scolastico”.

Anief: “Pensionamenti scuola anticipati”
Secondo quanto afferma il presidente nazionale Anief, l’insorgenza maggiorata di burnout, rispetto ad altre professioni, rende il quadro potenzialmente più critico.

“Ad iniziare dagli over 60 e dai lavoratori potenzialmente fragili”, ha sottolineato.

“Ecco perché siamo è tornati a chiedere per questi la possibilità di operare da casa, senza quindi esporsi al rischio contagio, oltre che pensionamenti anticipati e senza penalizzazione alcuna per chi ne fruisce”.

Il suo quadro è ben definito: la situazione Covid a scuola è destinata a peggiorare, soprattutto perché quandp arriveranno i test rapidi si scopriranno tanti asintomatici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *