Il figlio è positivo, i genitori decidono di mandarlo lo stesso a scuola: 30 compagni in quarantena

È accaduto in una scuola superiore nel Massachusetts.

Loading...

Un ragazzo positivo al Coronavirus sarebbe andato a scuola anche dopo aver ricevuto l’esito del tampone.

I genitori sapevano del contagio e ora almeno trenta compagni che avevano avuto contatti col giovane dovranno isolarsi per un periodo di due settimane.

Decine di studenti sono stati messi in quarantena dopo che una coppia di genitori ha mandato a scuola il figlio positivo al Coronavirus.

È accaduto in una scuola superiore di Attleboro, una città a circa 39 miglia a sud-ovest di Boston, nel Massachusetts, e secondo quanto riportano i media americani i genitori sapevano del contagio del ragazzo.

Ma lo avrebbero comunque mandato a scuola.

Secondo quanto ricostruito da una infermiera, lo studente avrebbe contratto il Covid-19 pochi giorni prima di essere mandato in classe lunedì.

L’infermiera ha detto che i genitori lo sapevano da giorni e anche il sindaco di Attleboro, Paul Heroux, lo ha confermato.

Ora circa 30 studenti sono in quarantena e per due settimane dovranno monitorare i sintomi del Coronavirus.

Il commento del preside del liceo: “Non mi aspettavo casi il primo giorno di scuola”

– “Sapevo che avremmo avuto dei casi, ma non mi aspettavo che sarebbero stati il primo giorno”, ha detto il preside del liceo americano Bill Runey.

Il preside ha aggiunto di aver saputo martedì del risultato positivo del test dello studente.

Runey ha anche affermato che il tracciamento dei contatti ha svolto un ruolo importante per identificare gli studenti a rischio.

La scuola superiore, per contenere al massimo il contagio da Coronavirus, si è organizzata “dividendo” gli studenti:

un gruppo frequenta lezioni di persona il lunedì e il giovedì e un altro gruppo il martedì e il venerdì.

Ha commentato il caso dello studente a scuola col virus il governatore del Massachusetts Charlie Baker che, secondo quanto scrivono i media, ha auspicato “punizioni” in casi come questi.

fonte 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *