Ha Salvato la vita della stessa persona 2 volte in 3 mesi diventando il suo angelo custode

La donazione di organi cambia la vita di migliaia di malati che hanno bisogno di sostituire alcune parti del loro corpo.

Loading...

Tuttavia,  pochi sono consapevoli dell’importanza di fare del bene agli altri , donando parte del proprio essere.

Fortunatamente,  Cristiano Neto, 29 anni, ha accettato di essere un donatore di midollo osseo due volte in tre mesi  per un paziente che vive in Italia.

La cosa incredibile del caso è che la probabilità di compatibilità tra persone che non appartengono alla stessa famiglia è di 1 su 100.000.

Cristiano è originario di Piauí, Brasile, e ha  donato due volte il suo midollo osseo alla stessa persona.

Tanta dedizione nell’aiutare ha valso al giovane un diploma onorario: l’attestato di “Super Donatore”, oltre che una preziosa lezione per dare speranza, anche senza sapere a chi.

“Ho iniziato a vedere la vita in un modo diverso”, ha detto Cristiano.

La prima volta che Cristiano ha donato parte di sé è stato per aiutare una persona cara.

Si è iscritto nel 2016, quando aveva bisogno di donare il sangue al nonno di un amico.

Tre anni dopo, il suo midollo spinale è stato identificato come compatibile per un paziente residente in Italia.

“Mi hanno detto che era per qualcuno che vive a Genova, in Italia.

Non posso sapere chi sia la persona, perché la legislazione del loro paese non lo consente, e  il massimo che riferiscono è se la persona sta bene , ma il sesso, l’età e il nome non lo rivelano “, ha detto l’uomo.

A quel tempo, Cristiano non sapeva come funzionasse la procedura, ma assicura che non ci ha pensato due volte prima di dire di sì all’opportunità di aiutare.

La prima donazione è avvenuta nell’ottobre 2019, si è  recato a Natal, nel Rio Grande do Norte, per eseguire la procedura, durata circa 4 ore.

E a gennaio 2020, Cristiano è dovuto tornare per fare una nuova donazione.

“Non è consuetudine donare alla stessa persona e in così poco tempo, ma  mi hanno chiamato chiedendo di donare ancora, perché la paziente non ha avuto successo nel loro trattamento.

Ho accettato ”, ha affermato Cristiano.

È stato per la sua disponibilità ad aiutare che Cristiano ha  ricevuto dall’ospedale il certificato di Super Donatore , che è stato un modo per ispirare gli altri a seguire il suo esempio, soprattutto a causa della difficoltà di trovare un donatore compatibile.

Ci sono 93.312 mila donatori di midollo osseo registrati nel Piauí.

Attualmente, il centro del sangue cerca di diversificare il profilo del donatore per aumentare le possibilità di compatibilità e aiutare coloro che sono in lista di attesa per un trapianto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *