• Ven. Lug 1st, 2022

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

Fabrizio Corona: “sono pronto a morire”

(di Gabriele G.) Ed è avvenuto con un post di Instagram l’ultimo sfogo di Fabrizio Corona, attualmente recluso nel carcere di Monza dopo aver passato diversi giorni all’interno del reparto psichiatrico dell’ospedale Niguarda di Milano.

Dal post trapelano grande dolore e sofferenza, sintomi della terribile condizione psicologica in cui si trova attualmente il celebre ex paparazzo.

“Mi manca da morire il mare, l’oceano, nuotare a cielo aperto ai confini del mondo senza dare conto e giustificazioni a nessuno. Mi manca vivere, mi manca la semplicità della vita. Sono dieci anni che vivo così e sono stanco. Molto stanco”.

L’Avvocato: se continuerà così andrà sicuramente a morire

Ecco le drammatiche parole rilasciate da Ivano Chiesa, legale dell’ormai ex paparazzo: “Sta molto male, fa persino fatica a reggersi in piedi. Eppure, hanno richiesto otto agenti per prelevarlo dall’ospedale, che si sono presentati con il foglio di dimissioni, per portare via Corona.

Mi è sembrata l’ennesima dimostrazione di forza dello Stato, eppure pensavo di vivere in Italia. Anche in carcere Corona sta portando avanti lo sciopero della fame iniziato in ospedale, temo che non voglia fermarsi.

Se continuerà così, andrà sicuramente a morire. Ora voglio parlare con la ministra Cartabia. Questo non è solo un problema giuridico… Quante persone sono tenute in cella senza che il Tribunale abbia minimamente preso in considerazione il parere degli esperti per quanto riguardano le condizioni di salute?”.

La lettera di sfogo di Corona: sono pronto a morire per i miei diritti

In questi giorni Corona sta manifestando tutto il suo dolore attraverso sfoghi pubblici e lettere, definendo ciò che sta passando come “la più grande ingiustizia mai subita”. In una lettera inviata a Massimo Giletti, letta successivamente dal conduttore in diretta tv a “Non è l’Area”, Corona scrive: “Sono pronto a morire per i miei diritti.

Nulla era premeditato. Massimo devi sapere che quando mi sono tagliato il braccio non ho provato dolore, neanche quando ho rotto il vetro dell’ambulanza.

Le braccia insanguinate, non avevo dolore né paura. Non avevo minimamente paura della morte”, questo è quanto scritto da Corona nella lettera.

Già in passato erano trapelate notizie circa la personalità borderline dell’ex re dei paparazzi. Da ormai parecchio tempo soffre di gravi stati d’ansia e depressione, e a testimonianza di ciò spuntano le parole pronunciate dall’avvocato Antonella Calcaterra nel lontano 2015: “Fabrizio è un uomo molto sofferente con seri problemi dal punto di vista psicologico e psichiatrico. In carcere soffre spesso di attacchi di panico e di pesanti forme di depressione… ha urgente bisogno di aiuto”.