• Sab. Apr 13th, 2024

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

Fabio Fazio, durante l’ultima puntata succede di tutto:

Il commiato di Fabio Fazio da “Che tempo che fa” è stato un trionfo, un’ultima puntata permeata da emozioni e applausi fragorosi da parte del pubblico in studio. Dopo una ventennale militanza in Rai, il celebre conduttore ligure si prepara a intraprendere una nuova avventura sul canale Nove, dove darà vita a un nuovo programma.

Con il cuore colmo di gratitudine, Fabio Fazio si rivolge al pubblico, ammettendo la difficoltà di concludere una serata così lunga e intensa. L’emozione è palpabile nella sua voce mentre ringrazia tutti i presenti, dando inizio a un’ultima puntata carica di significato. Accanto a lui, si trova Michele Serra, che apre il segmento con una sorta di editoriale intitolato “La storia politica della Rai secondo me”.

In modo arguto, Serra solleva alcune domande che cercano di attribuire una presunta appartenenza politica a personaggi noti della televisione italiana. In particolare, fa riferimento a icone come Topo Gigio, il Quartetto Cetra, Tognazzi e Vianello, chiedendosi se fossero di sinistra o di destra. Poi, spostando l’attenzione verso tempi più recenti, si chiede a quale partito appartengano Amadeus, Fiorello, Mara Venier e se Vespa sia di destra in virtù della sua associazione con Cavour.

Michele Serra, tuttavia, definisce “cretino” questo tipo di ragionamento, poiché ritiene che sia difficile spiegare una storia che, in gran parte, non ha nulla a che fare con la politica, attraverso l’ottica politica stessa. Secondo il giornalista e scrittore, è il lavoro delle persone che prevale, un’energia che fortunatamente supera le divisioni politiche. In passato, nessuno si è mai posto la domanda se Topo Gigio fosse di destra o di sinistra, ma oggi sembra che ciò interessi a tutti.

Con un pizzico di ironia, Serra commenta le dichiarazioni del “ministro della cultura Gennaro Sangiuliano, che qui ha affermato che alla Rai ci sono gli stalinisti”. In modo sarcastico, si chiede se Sangiuliano abbia sofferto molto durante il suo incarico di direttore del Tg2, forse tenuto prigioniero in una segreta. Secondo Serra, c’è un clima negativo che tende a catalogare tutto e tutti, costringendo le persone a sentirsi in debito con qualcuno. All’interno della Rai, sono molte le persone che lavorano con impegno e autonomia. Se fossi un intellettuale di destra, afferma Serra, sarei preoccupato perché mi accuseranno di essere salito sul carro del vincitore, ottenendo successo non per merito, ma per la mia appartenenza politica.