Addio a un grande artista amato in tutto il mondo

“Tutte le brave persone del paese e del mondo lo piangeranno”

Loading...

È morto Quino, il disegnatore argentino che ha inventato il personaggio di Mafalda

L’annuncio è stato dato dall’editore: “Tutte le brave persone del Paese e del mondo lo piangeranno”.

Il fumettista aveva 88 anni e nei giorni scorsi aveva subito un ictus che ha provocato un peggioramento delle sue condizioni di salute

Quino, il disegnatore argentino che ha inventato il celebre personaggio di Mafalda, è morto a 88 anni.

A dare l’annuncio è stato il suo editore Daniel Divinsky.

Chi era Quino

Il vero nome del fumettista era Joaquín Salvador Lavado.

La notizia della morte è stata confermata su Twitter dal suo editore argentino, Daniel Divinsky.

“Quino è morto. Tutte le brave persone del Paese e del mondo lo piangeranno”, ha scritto Divinsky, cofondatore di Ediciones La Flor.

Secondo quanto riferito dalla stampa locale, Quino aveva subito un ictus nei giorni scorsi che ha provocato un peggioramento delle sue condizioni di salute.

Il fumettista, nato a Mendoza il 17 luglio 1932, era figlio di immigrati andalusi.

Sin da piccolo aveva iniziato a coltivare la sua passione per il disegno.

Le sue prime vignette risalgono agli anni Cinquanta.

Ma il suo personaggio più famoso, protagonista delle sue strisce, nasce nel 1964 ed è Mafalda: una bambina contestatrice e polemica.

Le prime pubblicazioni, in quell’anno, sono sulla rivista argentina Primera Plana.

La storia di Mafalda

Dopo l’esordio in Sudamerica, Mafalda diventa popolare in diverse parti del mondo e, sul finire degli anni Sessanta, arriva anche in Italia.

Nonostante il successo, nel 1973, Quino smise di disegnare strisce con il suo soggetto più celebre.

Mafalda rimane comunque nella storia dei fumetti.

E come spesso accade in questi casi il personaggio diventa protagonista anche al cinema: è del 1982 il lungometraggio animato, dal titolo “Mafalda”.

Una pellicola che però fece storcere il naso a Quino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *