La ragazza di 25 anni travolta e uccisa da un’auto a Verano Brianza si chiamava Sofia Berto ed era una studentessa.

Grande il dolore sui social per la sua prematura scomparsa.

L’uomo di 32 anni che era alla guida dell’auto che ha investito Sofia è risultato positivo all’alcoltest: è stato denunciato per omicidio stradale.

Si chiamava Sofia Berto la ragazza di 25 anni che nella notte è stata investita e uccisa da un’auto a Verano Brianza, in provincia di Monza e Brianza.

Sui social in tanti hanno commentato increduli per la tragica e prematura scomparsa della giovane, falciata da un automobilista risultato positivo all’alcol test.

L’uomo di 32 anni che era alla guida della Volkswagen che ha ucciso Sofia si era infatti messo al volante ubriaco:

è probabile che l’alcol abbia influito sui suoi riflessi e non gli abbia fatto scorgere per tempo la 25enne, che stava attraversando la strada in via Comasina, vicino a un McDonald’s, in un tratto a quanto pare privo di illuminazione e di un attraversamento pedonale.

Dopo l’impatto l’uomo si è subito fermato ed è stato poi sottoposto al test alcolemico dai carabinieri di Seregno, che hanno effettuato i rilievi per determinare l’esatta dinamica di quanto accaduto.

Per la giovane investita i soccorsi si sono rivelati inutili: Sofia è morta sul colpo a causa dei traumi riportati.

Il 32enne adesso sarà incriminato per omicidio stradale con l’aggravante della guida in stato di ebbrezza.

Tante le giovani vittime di incidenti stradali in Lombardia negli ultimi giorni

Sofia era una giovane studentessa universitaria.

Si tratta della quinta ragazza vittima di incidenti stradali nel giro di pochi giorni in Lombardia.

La scorsa notte un’altra giovane di 24 anni è morta dopo che l’auto su cui viaggiava in compagnia di un coetaneo è finita nel lago di Como.

Lo scorso fine settimana invece avevano perso la vita tre ragazze:

una 29enne a Broni e le due amiche ventenni Giulia Vangelisti e Claudia Marioli a Esine, nel Bresciano.

Due settimane fa infine una vicenda che ricorda da vicino quella di Sofia:

a Lecco la 19enne Chiara Papini era stata investita e uccisa da un’auto pirata, il cui giovane conducente si era poi costituito.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *