A 67 anni arriva il posto fisso, ma lei è già in pensione: “Mi sento presa in giro”

Lʼex professoressa di diritto si è vista recapitare la mail dallʼufficio di reclutamento di Massa Carrara. Delusa e amareggiata

Loading...

“Ma si rende conto? Ho avuto il ruolo quando ero già in pensione”

-nelle parole della professoressa Paola Fortunati si percepisce tutta la sua amarezza per un sistema scolastico che non funziona.

Sessantasette anni, di cui venti di precariato e due concorsi vinti, Paola si è vista arrivare una mail dall’ufficio reclutamento di Massa Carrara: “Siamo lieti di annunciarle la nomina in ruolo” – ovvero il posto fisso nell’istituto dove per anni è stata una precaria.

Lei che ha dato una vita per la scuola non ha ricevuto altrettanto e ora si sente presa in giro.

“Mi sento beffata e mi dispiace per i giovani che iniziano adesso e non hanno la certezza della sistemazione della loro carriera”

– in realtà i posti che sono stati assegnati in queste settimane dovevano essere dati lo scorso anno ma così non è stato.

Conseguenza?

Oltre alla delusione personale c’è anche una questione economica perché la prof avrebbe ottenuto una meritata qualifica e un trattamento pensionistico differente.

Un danno da “perdita di chance” questa la questione che fa più riflettere.

Avere tutte le carte in regola per i riconoscimenti dovuti dopo anni di sacrificio e poi non riuscire a ottenerli per un sistema che non funziona, non è facile da accettare.

“C’è una grande differenza tra la legge scritta e quella applicata dagli uomini” – direbbe ora ai suoi ragazzi la professoressa di diritto

– “per me si è trasformata in un paradosso, ma il mio è solo uno dei tanti casi di un sistema che purtroppo non funziona”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *