• Gio. Mag 30th, 2024

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

‍Bambino cerca sua madre in paradiso e chiama la polizia: la storia che commuove il mondo intero

Questa storia commuove il mondo intero dall’azione ispiratrice di un ufficiale di polizia su richiesta di un bambino.

La morte di una madre o di un padre deve essere uno degli eventi più dolorosi per ogni bambino.

Se aggiungiamo la difficoltà che un piccolo deve comprendere il concetto di morte, è un processo per il quale sicuramente non è preparato.

Questa storia commuove il mondo intero dall’azione ispiratrice di un ufficiale alla chiamata di un bambino.

Vale la pena condividere storie toccanti e belle come queste.

Una sfortunata mattina, la madre di Jerry andò in ospedale, ma non tornò più.

Il padre del ragazzo cercò di spiegare che sua madre era andata in paradiso; ma lui, a soli 5 anni, non riusciva a capire perché non lo visitasse più.

Preoccupato che gli fosse successo qualcosa di brutto, decise di chiamare la polizia per chiedere aiuto.

Fu un veterano ufficiale, Tommy Lee, a rispondere alla chiamata di emergenza dall’altra parte della linea.

All’inizio pensò che fosse uno scherzo, ma rendendosi conto che era un bambino che stava parlando, ascoltò pazientemente.

Jerry spiegò alla polizia ciò che gli aveva detto suo padre:

sua madre era andata in paradiso e temeva che non sarebbe tornata.

Ogni parola del ragazzo innocente avvolgeva il vecchio ufficiale di polizia nella tristezza.

Anche lui, essendo un padre, comprese la tristezza e la confusione di Jerry e decise di dargli consigli

Consigli che avrebbero collegato le loro vite in un modo che nessuno avrebbe mai immaginato.

Lee disse al ragazzino di scrivere lettere e inviarle a sua madre in palloncini rossi, in modo che potesse leggerle nel cielo.

Dopo quella conversazione telefonica, Jerry scriveva ogni mese, senza sforzo, una lettera a sua madre e la inviava in un palloncino rosso sperando in una risposta.

Dopo un po ‘, Jerry chiamò di nuovo la polizia, non aveva ricevuto risposta da sua madre ed era disperato.

L’agente gli disse di rimanere calmo, che sua madre avrebbe letto i messaggi e che avrebbe continuato a inviarli.