• Mar. Lug 5th, 2022

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

Tragico incendio nel reparto Covid, ci sono morti:

Le vittime erano pazienti covid gravi che erano intubati e costretti a letto. La tragedia si è consumata nella notte tra giovedì 28 e venerdì 29 gennaio nel principale ospedale di Bucarest. A seguito dell’incendio circa 120 pazienti che erano nello stesso reparto sono stati evacuati in altri ospedali o reparti.

Dramma nelle scorse in un reparto covid di un ospedale di Bucarest, in Romania, dove a causa di un improvviso incendio divampato tra le stanze dei degenti quattro pazienti sono morti e altri sono rimasti intossicati dal fumo.

La tragedia si è consumata nella notte tra giovedì 28 e venerdì 29 gennaio nel principale ospedale della capitale rumena. L’incendio ha fatto scattare l’allarme in tutto il centro ospedaliero e ha portato poi all’evacuazione di gran parte dei pazienti.

“Circa 120 pazienti che erano nello stesso reparto sono stati evacuati”, ha fatto sapere infatti il portavoce dell’ospedale, Bogdan Toma.

L’allarme è scattato intorno alle 5 del mattino di oggi ora locale, le 4 in Italia, in una stanza situata al piano terra di uno degli edifici dell’ospedale Matei Bals di Bucarest.

Sul luogo dell’accaduto sono accorse in poco tempo numerose squadre di vigli del fuoco ma per i quattro pazienti più vicini alle fiamme non c’è stato nulla da fare.

Secondo quanto comunicato dalle autorità locali, tre vittime pazienti sono morte tra le fiamme e trovati carbonizzati un altro che era stato soccorso è morto poco dopo a causa del fumo.

Si tratta di pazienti covid gravi che erano intubati e costretti a letto. Le fiamme sono state poi domate prima che si diffondessero al resto dell’edificio.

Sono ora in corso le indagini per accertare quando accaduto anche se al momento non sono ancora chiare le cause esatte dell’incendio. Il ministro della Sanità Vlad Voiculescu ha dichiarato: “È stato un incendio violento, ma non sappiamo cosa l’abbia causato”.

Oltre 40 pazienti più gravi sono stati trasferiti in altri ospedali, il resto è stato evacuato negli altri reparti dell’ospedale Matei Balş.