• Gio. Gen 20th, 2022

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

Tragedia italia.Palazzina crolla dopo esplosione: 4 morti e 5 dispersi, fra cui 2 bambini.

Tragedia italia.Palazzina crolla dopo esplosione: 4 morti e 5 dispersi, fra cui 2 bambini.

La tragedia a Ravanusa in provincia di Agrigento. Due donne estratte vive dalle macerie.

L’esplosione ha innescato un incendio che ha interessato anche altri immobili. Una delle ipotesi è che la deflagrazione sia partita da un tubo del metanodotto

Una forte esplosione e poi il crollo. Un palazzo di quattro piani, in via Galilei, a Ravanusa, in provincia di Agrigento, è crollato dopo una violenta deflagrazione probabilmente avvenuta per una fuga di gas.

Quattro i morti e cinque i dispersi mentre due donne, finora, sono state estratte vive dalle macerie delle abitazioni crollate.

Una prima vittima, un uomo anziano, è stato ritrovato poco tempo dopo l’esplosione, ma il bilancio della tragedia si è aggravato dopo che, al termine di un’intera notte di ricerche, una seconda vittima è stata estratta dalle macerie, si tratta di una donna anziana.

Sempre in mattinata il ritrovamento degli altri due corpi: si tratta ancora di due donne.

Sette delle persone inizialmente disperse appartengono allo stesso nucleo familiare e si trovavano nella stessa palazzina al momento dell’esplosione, due in un’altra.

Secondo i soccorritori, due dei dispersi sarebbero bambini: la notizia, che era stata inzialmente smentita, sembra invece aver trovato conferme nella nottata.

E tra le persone ancora sotto alle macerie ci sarebbero una assistente sociale trentenne in avanzato stato di gravidanza insieme al marito.

Una fuga di gas che ha saturato il sottosuolo, dovuta probabilmente alla rottura di un tubo a causa del maltempo, poi una deflagrazione che secondo i vigili del fuoco potrebbe essere stata innescata dall’ascensore della palazzina: sarebbe questa la dinamica della violentissima esplosione.

I tecnici dell’Italgas sono al lavoro per mettere in sicurezza la rete.

Intanto la procura della Repubblica ha aperto un’inchiesta per disastro colposo. Sul posto operano 250 uomini tra vigili del fuoco, protezione civile e forze dell’ordine.

“C’è stato un grosso accumulo di gas – spiega un responsabile della Protezione Civile – anche se l’Italgas sostiene che solo pochi giorni fa sono stati fatti controlli e non è stata accertata alcuna perdita”.

L’impianto della zona ha almeno dieci anni e l’area è soggetta a frane e smottamenti.

“Non è ancora possibile risalire alle cause che hanno innescato l’esplosione”, spiegano dalla Protezione Fabrizio Curcio e il capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Guido Parisi sono partiti per Ravanusa per coordinare i soccorsi.

“Un incendio immane – ha detto il comandante dei carabinieri Vittorio Stingo – che ha consentito però a qualcuno di riuscire ad uscire dagli appartamenti e a scappare.

Appena arrivati siamo riusciti a sentire delle voci da sotto le macerie e dopo aver chiuso il gas abbiamo iniziato a scavare fra le macerie per salvare quante più persone possibili”. Danneggiati anche altri immobili.

Il sindaco del paese, Carmelo D’Angelo, ha lanciato un appello chiedendo ai paesi vicini di inviare autobotti: “Quello che è successo è un disastro – ha detto – chiedo aiuto a chiunque avesse un’autobotte, venite sul posto”.

Nella palazzina abitavano decine di persone, i vigili del fuoco hanno dovuto spegnere le fiamme che hanno invaso l’intera via danneggiando anche altri edifici, prima di procedere alla rimozione della macerie.

Numerose squadre di volontari della Protezione Civile, dei vigili del fuoco, della Croce Rossa e della guardia costiera ausiliaria, provenienti da diversi comuni dell’Agrigentino, si sono recati a Ravanusa. In particolare l’appello lanciato da D’Angelo è stato raccolto dai sindaci di Licata, Palma di Montechiaro e Naro.

Dopo l’esplosione, verso le 20.30, la gente è scesa in strada impaurita nel paese di oltre 10mila abitanti situato a 50 minuti di auto da Agrigento e a più di due ore da Palermo.

Gli allarmi delle auto e di alcune case hanno cominciato a suonare.

Calcinacci, pezzi d’infisso, mobili, porte sono state scagliati a decine di metri di distanza.

Nella zona dell’esplosione, sono arrivate decine di persone che non riuscivano a rintracciare i parenti che abitano in quell’area trasformata nel giro di pochi secondi in un campo di battaglia.

Cinquanta gli sfollati, secondo i primi riscontri.

“Sono vicino alla comunità di Ravanusa che sta vivendo momenti di apprensione in seguito all’esplosione causata da una fuga di gas. Prego per quanti si stanno impegnando nel contenere il pericolo e per accertare la sperata assenza di vittime”, ha detto il vescovo di Agrigento Alessandro Damiano.