Precipita durante escursione con la famiglia: Elisa, mamma di due bimbi muore a 40 anni

Terribile tragedia in Valle Aurina, vicino a San Pietro, dove ieri ha perso la vita una Elisa Montanucci, mamma di 40 anni arrivata in Alto Adige con la sua famiglia da Casale sul Sile in provincia di Treviso.

Loading...

La donna, appassionata di montagna e di fotografia, stava facendo un’escursione assieme al marito e ai due figli percorrendo il sentiero in direzione del Lago di Landro.

Ad un certo punto ha deciso di separarsi dal marito e dai bambini per procedere da sola raggiungendo una zona a circa 2.400 metri d’altitudine.

Quando, nel tardo pomeriggio di ieri, il consorte non l’ha vista tornare ha lanciato l’allarme.

Alle 18 è stata avviata l’operazione di ricerca con 18 uomini del soccorso alpino impegnati e con l’ausilio aereo dell’Aiut Alpin Dolomites.

Sono stati battuti tutti i sentieri, interrogati altri escursionisti e ricercato il segnale del telefono cellulare con il geolocalizzatore che è stato determinante.

Al secondo volo di ricognizione dell’elicottero con base a Pontives alle 20.30, infatti, il corpo di Elisa è stato individuato in fondo ad un fosso purtroppo senza vita.

I soccorsi

La donna è stata recuperata dall’Aiut Alpin Dolomites mentre della ricostruzione della dinamica esatta dell’incidente si occuperanno i carabinieri della stazione di Cadipietra.

Montanucci, nata ad Umbertide in Umbria amava moltissimo condividere le sue fotografie sul suo profilo instagram madame_lizzie dove si trovano moltissimi dei suoi scatti durante i viaggi, a casa nel trevigiano o assieme al suo amato gatto Eddie e al cane.

Fa male, oggi, rileggere quanto aveva scritto appena due giorni fa scattando un meraviglioso orizzonte del Lago di Neves.

La passione per i social

Donna che non sente dolore quando il freddo le arriva al cuore citando un passaggio del testo della canzone Donna cantata da Mia Martini.

Sempre accovacciata al cospetto della meraviglia naturale del lago aveva postato.

L’Infinito di Giacomo Leopardi a testimonianza di una personalità dalla spiccata sensibilità artistica.

L’ultimo scatto in ordine cronologico è una bellissima porta con un occhiello a forma di cuore catturato a Predoi.

Non è escluso che l’altro giorno Elisa volesse raggiungere qualche scorcio particolare proprio per immortalarlo con una fotografia.

Elisa era anche una grande appassionata di basket e seguiva da vicino le vicende dei piccoli cestisti del minibasket della polisportiva Casale di cui commentava le gesta sul web.

Amava anche i tatuaggi e si era fatta disegnare una bella rosa sulla spalla sinistra ed era anche una grande appassionata di musica.

Suonava il basso ed era amatissima dalla sua famiglia e dai suoi fratelli Piero e Maria che vive in Danimarca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *