• Gio. Dic 1st, 2022

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

Svelati i due nomi: “ecco i due Vicepremier”

Svelati i due nomi: “ecco i due Vicepremier”

Elezioni politiche 2022, governo: ipotesi Salvini e Tajani vicepremier.

Mattarella attende i presidenti delle Camere poi le consultazioni

Nel centrodestra si fanno i primi passi per il nuovo esecutivo, dopo l’incontro tra il coordinatore di FI e la presidente di Fdi. Renzi apre a un tavolo delle riforme

Iniziano la grandi manovre per la formazione del nuovo governo di centrodestra. Giorgia Meloni vede Antonio Tajani. “Lavoriamo per l’Italia”, riferisce il coordinatore di Forza Italia, al termine del colloquio nella sede di FdI. Non si sarebbero fatti nomi, spiegano fonti azzurre.

Ma una delle ipotesi su cui si riflette è che possano esserci due vicepremier: Matteo Salvini e Tajani. Intanto, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è pronto a lavorare da subito per far avere al Paese un esecutivo operativo nel minor tempo possibile.

A due giorni dal voto, il vice presidente della Commissione europea, Margaritis Schinas, avverte: “Tutti i governi, compreso quello italiano, avranno molto più da guadagnare lavorando con l’Europa piuttosto che contro”. Arrivano buone notizie dal Pnrr: approvata la seconda tranche di 21 miliardi.

Paolo Gentiloni avvisa: “Prossimo governo onori gli impegni del Pnrr”. Prime tensioni nella formazione del futuro esecutivo con Matteo Salvini, attaccato da Zaia e Maroni, che chiede di tornare al Viminale, anche se la premier in pectore non avrebbe nessuna intenzione di dargli ministeri chiave.

Molinari avverte FdI: “Dia giusto peso alle Lega”, mentre Rauti irride Berlusconi: “Regista di governo? Non so cosa significhi”.

Crisi anche nel Pd dove Enrico Letta annuncia che non si ricandiderà e avvia la stagione congressuale dopo la sconfitta alle elezioni. Bettini chiede un tagliando vero. Provenzano: “Sconfitti ma non vinti”.

Matteo Renzi fa sapere che Italia viva sarà all’opposizione, “voteremo contro la fiducia2 e se Meloni “chiederà un tavolo per fare insieme le riforme costituzionali, noi ci saremo”.

È ufficiale: Umberto Bossi fuori dal Parlamento dopo 35 anni. Salvini lo propone senatore a vita. Il cardinal Zuppi (Cei) commenta le elezioni: “Ci faremo sentire anche con severità”.