• Sab. Dic 4th, 2021

Se trovi la matita nascosta tra le rose in meno di 15 secondi il tuo quoziente intellettivo è altissimo

Se trovi la matita nascosta tra le rose in meno di 15 secondi il tuo quoziente intellettivo è altissimo

È importante ricordare che non hai molto tempo per superare questa sfida. La chiave è affinare il senso della vista.


Devi solo guardare attentamente per trovare la matita nascosta.

Di seguito, ti mostreremo una sfida logica in cui avrai solo 15 secondi per poter rivendicare la vittoria. Cosa devi fare? Semplice. Guarda attentamente l’immagine in cui ci sono diverse rose.

Tra tutti questi, una matita è molto ben nascosta, che devi individuare.

IMMAGINE DELLA SFIDA VIRALE

Bene, il tempo è scaduto, sei riuscito a trovare la matita nascosta nella foto? Se la risposta è sì, congratulazioni!


Se, invece, non riesci ancora a trovare la soluzione, non preoccuparti, perché di seguito ti daremo tutte le chiavi affinché tu possa cantare vittoria.

Cominciamo. Focalizza lo sguardo sul centro della figura. Da questo punto, dirigi gli occhi sulla sponda destra. Una volta a quel punto, scendi fino a raggiungere un ramo dove devi fermarti.

Guarda bene, potresti notare una matita di colore verde.

Se riuscissi a scoprirlo, avresti trovato la soluzione.

Arriviamo alla fine. Sappiamo che ti sei divertito molto a risolvere questa sfida virale. Per questo motivo, ti invitiamo a cercare altri di questi puzzle visivi che ti aiuteranno a migliorare le tue capacità cognitive, ma non dimenticare di includere la tua famiglia e i tuoi amici, il divertimento è assicurato.

Che cos’è una sfida virale o un test psicologico?

Carl Gustav Jung è una delle figure chiave nella fase iniziale della psicoanalisi, che è anche il fondatore della scuola di psicologia analitica , chiamata anche psicologia complessa e psicologia profonda.

È così che Jung è diventato famoso poiché i suoi studi e analisi dei sogni hanno portato a una maggiore comprensione delle persone nel loro stato “psiche”.

Nella sua opera, ‘Tipi psicologici’ , “sviluppa le sue idee sull’esistenza di due“ atteggiamenti ”( estroversione/introversione ) e quattro“funzioni”( pensiero / sentimento e sensazione / intuizione ), e fa riferimento per la prima volta al sì, come l’obiettivo dello sviluppo psichico”.

È così che solleva diversi tipi psicologici che lo hanno portato allo studio delle persone usando come base i test di personalità o, come è attualmente noto, le sfide virali che quando le risolvono ti permettono di sapere di più su te stesso