• Lun. Mag 23rd, 2022

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

Rayan non ce l’ha fatta. È morto il bambino estratto dal pozzo in Marocco

Rayan non ce l’ha fatta. È morto il bambino estratto dal pozzo in Marocco

Il piccolo, cinque anni, era intrappolato da martedì a 32 metri di profondità

– Rayan non ce l’ha fatta. Il bambino tirato fuori dal pozzo in cui era rimasto incastrato martedì, sulle montagne di un villaggio nel Nord del Marocco, è morto. Lo si apprende da una nota ufficiale dell’ufficio del protocollo del re del Marocco. Il re Mohammed VI ha telefonato ai genitori per porgere le proprie condoglianze.

Tutto il Paese è stato per giorni con il fiato sospeso per il caso del bambino prigioniero sotto terra per 4 giorni

Rayan è morto. La corsa contro il tempo non è stata vinta dai soccorritori. E’ stata un’altra Vermicino. Il piccolo era lì da 5 giorni, da martedì, incastrato nel buio, solo. A stroncarlo le ferite che si era procurato durante la caduta.

«È vivo. Lo tiriamo fuori», hanno urlato i soccorritori quando lo hanno raggiunto. Il piccolo Rayan era lì, rannicchiato a 32 metri di profondità, finalmente a pochi centimetri da loro. «Non ha riportato ferite gravi», hanno detto i soccorritori, che hanno subito iniziato le operazioni per l’estrazione del bambino. Ma non era vero. Per cinque ore hanno lavorato nel tunnel orizzontale che collegava quello verticale scavato nei giorni scorsi parallelamente al pozzo in cui era caduto.

Poi lo hanno estratto dal pozzo, caricato su un’ambulanza, traportato a un elicottero che lo aspettava per portarlo in ospedale. Il mondo ha sperato, ci ha creduto. Poi il gelo. Una nota ufficiale dell’ufficio del protocollo del re del Marocco ha comunicato che Rayan era morto. Il re Mohammed VI ha telefonato ai genitori per porgere le proprie condoglianze.