• Lun. Mag 23rd, 2022

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

Picchia la fidanzata incinta, gruppo di ragazzi lo insegue picchiandolo a morte

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, un uomo di 41 anni è stato inseguito, investito e picchiato a morte da un gruppo di adolescenti composto da ragazzi e ragazze tra i 13 e i 19 anni.

I giovani hanno poi dichiarato di conoscere la donna e di aver voluto farsi giustizia da soli senza denunciare le violenze, poiché l’uomo era già in libertà vigilata e temevano potesse fare ancora del male alla compagna.

L’OCCHIO NERO SUL VOLTO DELLA DONNA AVREBBE INNESCATO LA FURIA DEL GRUPPO

Fred Valdamar Ortiz, questo è il nome dell’uomo ucciso a bastonate lo scorso lunedì 14 giugno.

Tutto ciò è avvenuto dietro un negozio a Magna, nello stato dell’Utah, in Usa.

Secondo quanto riportato dalla polizia, il gruppo aveva inizialmente visitato la casa della fidanzata dell’uomo per comprare un cucciolo, in quanto la donna è una allevatrice di cani.

Mentre erano lì, i ragazzi hanno parlato con la fidanzata del 41enne, che è incinta, e hanno notato che aveva un occhio nero.

Quando le hanno chiesto cosa fosse accaduto, la donna avrebbe confessato che era stato il compagno a ridurla così solamente qualche giorno prima.

A quel punto, tra il gruppo e l’uomo sarebbe insorto un alterco terminato poi con l’inseguimento in strada e l’assassinio.

Il 41enne pare sia scappato in scooter, ma i ragazzi lo avrebbero inseguito in auto, investito e poi massacrato a colpi di bastone.

LA FUGA DISPERATA DI ORTIZ

Uno del gruppo ha raccontato alla polizia che a raggiungere Ortiz e a travolgerlo è stata l’auto guidata da Osyeanna Maria Martinez, di 19 anni.

In seguito all’impatto Ortiz è caduto a terra, ma l’uomo avrebbe proseguito la fuga a piedi.

Tuttavia, presto è stato raggiunto e picchiato selvaggiamente prima con calci e pugni e dopo, mentre l’uomo era già a terra, con un bastone.

In virtù dell’omicidio, la polizia ha arrestato tre giovani. Tutti gli altri sono ora indagati. (di Gabriele G.)