Non ce l’ha fatta Mattia, il baby calciatore di soli 11 anni che è scomparso nelle scorse ore dopo ben undici giorni di battaglia e quel maledetto infarto che l’aveva colto d’improvviso.

Nato calcisticamente a San Giorgio a Cremano, Mattia era stato scelto dalla sempre virtuosa cantera del Genoa Calcio.

Loading...

A ricordarlo ci ha pensato – oltre al sindaco Giorgio Zinno – subito il San Giorgio Calcio, squadra in cui aveva mosso i primi passi da calciatore:

«Il piccolo Mattia non ce l’ha fatta.

Useremo poche parole per dare le condoglianze alla sua famiglia da parte del presidente Fico, il direttore Neutro, tutto lo staff della scuola calcio e tutta la società granata».

IL DOLORE

Sono stati giorni di angoscia per i suoi cari prima di ricevere quella notizia devastante che ha gettato ogni barlume di speranza nel più profondo burrone.

Il baby calciatore, che ogni giorno dava tutto se stesso in campo pur di raggiungere i più alti livelli, non è riuscito a vincere questa partita.

Un infarto ha deciso che il suo cuore dovesse fermarsi, che la sua vita non potesse proseguire, che i suoi sogni dovessero rimanere chiusi nel cassetto di casa.

Un dolore troppo forte.

Non è mai facile accettare la morte di un proprio caro, ancor più difficile quando a dire addio è un bambino di soli 11 anni.

Fonte Il Mattino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *