• Mar. Lug 5th, 2022

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

Le scarpe di Lidl vanno a ruba: è ressa nei supermercati

Il 16 novembre è arrivata in Italia la collezione di sneaker, calzini e T-shirt a marchio Lidl.

In breve tempo la capsule collection ha registrato il sold out dopo che il pubblico ha sfidato le regole del lockdown e il divieto di assembramento pur di accaparrarsi un paio di scarpe che già sono rivendute online a prezzi da capogiro.

Quali sono i motivi alla base del grande successo di questa operazione commerciale ben studiata?

Succede che il 16 novembre 2020, in pieno lockdown bis, in Italia arriva una collezione di sneaker, calzini, ciabatte e T-shirt marchiati con il brand di una nota catena di discount e tutti i pezzi della collezione vanno sold out in breve tempo.

In tempo di pandemia da Coronaviurs succede che molte persone, in barba alle regole del momento, fanno code e assembramenti per accaparrarsi un paio di scarpe “griffate” Lidl.

Come è possibile? Come la collezione di un discount riesce a suscitare tutto questo interesse nel pubblico? Come mai le scarpe Lidl in Italia sono già sold out come lo erano state lo scorso luglio in tutta Europa?

Il successo e il sold out della collezione Lidl deve attribuirsi ai prezzi competitivi ed estremamente bassi? (Un paio di sneaker costano infatti intorno ai 12 euro). Non crediamo che sia solo questa la ragione del successo.

Le scarpe Lidl rivendute per 1500 euro sul web

La collezione Lidl non ha creato solo assembramenti e lunghe code nei supermercati del marchio con “guerre per l’ultima sneaker”.

Già lo scorso luglio, quando la collezione era uscita nei supermercati europei, sul web si era generato un incredibile fenomeno di re-selling,il  che vuol dire che in molti hanno comprato i pezzi della capsule collection per poi rivenderli online a prezzi maggiorati.

Scommettiamo che la stessa cosa succederà (o sta già succedendo) in Italia? Facendo un rapido giro su e-Bay è facile notare quanto le scarpe Lidl siano particolarmente richieste dato che vengono rivendute a un prezzo minimo di 100, ma si arriva anche a cifre esorbitanti come 1.500 euro e annunci simili hanno più di 500 visualizzazioni ogni ora.

Chi sarebbe disponibile a spendere 1.500 euro per un paio di scarpe da discount originariamente vendute a soli 12,90 euro?

Le scarpe Lidl rivendute su e–Bay

Forse i collezionisti e gli amanti delle sneaker più originali, sempre alla ricerca di modelli esclusivi (dove esclusivo vuol dire introvabile più che di lusso)?

I marchi di moda e non solo creano spesso capsule collection che vanno sold out proprio grazie all’ansia che nasce nei collezionisti di non riuscire ad accaparrarsi un capo o un accessorio.

Le capsule collection sono collezioni spot con pochi pezzi, lanciate sul mercato per un periodo di tempo limitato, dunque non sono sempre disponibili. I brand le creano proprio per vendere tutto e subito confidando sullo zoccolo duro di fan che farebbero qualunque cosa per avere un capo o un accessorio in edizione limitata.

Da Vetements a Off-White la moda street conquista tutti

Ancora non abbiamo una risposta al nostro quesito. Perché ci piacciono  le scarpe Lidl? Soprattutto, perché una scarpa da ginnastica o un calzino con il logo Lidl viene percepito come cool e non come un accessorio “sfigato” come sarebbe stato fino a qualche anno fa?

Forse tutto questo è anche merito di grandi marchi legati allo street style che hanno totalmente modificato la percezione del pubblico su loghi, brand e soprattutto su cosa è fico e cosa non lo è.

Basti pensare a come Virgil Abloh con il suo marchio Off-White sia riuscito a cambiare le regole della moda contemporanea e soprattutto sia riuscito a vendere a cifre esorbitanti scarpe da ginnastica con il cartellino ancora attaccato (è proprio quel cartellino che le rende riconoscibili).

Cartellino a parte, Abloh è riuscito a tramutare elementi “bassi”, dettagli che “vengono dalla strada” in dettagli di lusso, bramati e ricercati dai teen ager di tutto il mondo e non solo.

fonte fanpage