Nella corsia del suo ospedale è stato uno dei primi ad ammalarsi, nel pieno dell’emergenza.

E adesso che è tornato in servizio, guarito, lo ha fatto con un nuovo incarico: primario di Chirurgia.

Loading...

Lui è Pierpaolo Mariani, 49enne medico dell’ospedale Pesenti-Fenaroli di Alzano Lombardo, in provincia di Bergamo, uno dei luoghi simbolo della pandemia di coronavirus in Lombardia e in Italia.

Qui Mariani lavora dal 2018, dopo anni trascorsi all’ospedale di Seriate.

Era primario facente funzione di Chirurgia generale, ora la nomina definitiva.

Tra febbraio e marzo la scoperta del tampone positivo, per fortuna senza gravi conseguenze:

dopo un periodo di isolamento domiciliare la conferma della negatività e il rientro in reparto.

“Non ho avuto grossi problemi e per fortuna nemmeno mia moglie che si è ammalata anche lei.

Isolati in casa, i figli ci portavano pranzo e cena e medicine sulla soglia della porta.

Com’è capitato a centinaia, migliaia di persone.

Quel che mi preoccupava veramente era il mio ospedale, i miei collaboratori, i malati.

Al secondo tampone negativo mi sono precipitato ad Alzano”, aveva raccontato ad aprile all’Eco di Bergamo.

Aggiungendo: “Neanche per un minuto qualcuno ha pensato di mollare.

La verità è che non c’era nemmeno il tempo per pensare, la gente ci moriva nelle mani e ogni morte è stata uno strazio.

Non saremo mai più gli stessi, queste sono ferite che non si rimarginano”.

A complimentarsi con lui anche il governatore lombardo Attilio Fontana:

“Spesso si cercano storie per descrivere lo spirito lombardo, quello che ti permette di rialzarti dopo una difficoltà e migliorare ancora di più.

– si legge sulla pagina Facebook di Fontana –, la storia del dottor Mariani credo che descriva pienamente la tenacia della nostra regione.

Buon lavoro dottore”.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *