• Gio. Mag 30th, 2024

Doodles news

Sito web del gruppo LIFELIVE E.S.P.J

Giappone, gli esperti frenano le riaperture: “Bastano 15 giorni perché riprendano le infezioni di Coronavirus”

“Se non continuiamo a ridurre il contatto diretto tra persone, i nostri sforzi potrebbero essere stati vani”

TOKYO – Il numero di nuove infezioni da coronavirus potrebbe iniziare ad aumentare entro 15 giorni se le persone tornassero completamente al loro stile di vita pre-pandemico dopo che lo stato di emergenza verrà revocato, una stima ha dimostrato.

L’allarme è stato lanciato da Jun Ohashi, professore di genetica delle popolazioni all’Università di Tokyo, che ha effettuato ricerche sul tema e avverte:

“Se non continuiamo a ridurre il contatto diretto tra persone, i nostri sforzi potrebbero essere stati vani”.

Ohashi ha ipotizzato che una persona infetta trasmetta il virus a una media di 2,5 persone e che il numero di persone colpite da una persona infetta diminuisca gradualmente man mano che il virus si diffonde.

Il ricercatore ha quindi ipotizzato che le persone si mettano in quarantena per 30 giorni dal giorno in cui il numero di persone non trattate con il coronavirus raggiunge le 50 per 100.000 persone per stimare lo spostamento della curva dei contagi.

Il risultato ha mostrato che se tutti riducessero dell’80% il contatto diretto con altre persone, il numero di casi inizierebbe a calare il quinto giorno della quarantena di 30 giorni, ma se tutti tornassero ai normali livelli di attività, il dato tornerebbe ad aumentare 15 giorni dopo la fine dell’auto-quarantena.

Allo stesso tempo, se le persone mantenessero il livello di riduzione dei contatti tra loro al 70%, allentando parzialmente l’isolamento autoimposto dopo la fine del periodo di auto-quarantena di 30 giorni, il numero di persone infette continuerebbe a diminuire gradualmente.

Ohashi stima che 74 giorni dopo il periodo di quarantena, o 44 giorni dopo che le persone sono passate alla riduzione del 70% dei contatti sociali, il numero di infezioni scenderà a meno di 10 persone ogni 100.000.

L’ISOLAMENTO REGIONE PER REGIONE

Nel frattempo, ci sono anche dati che mostrano l’andamento e i risultati dello stato di emergenza, evidenziando come il distanziamento sociale sia diverso da regione a regione.