Gli aerei potranno viaggiare “pieni”, con tutti i posti assegnati.

Ma non si potrà portare valigie “di grandi dimensioni” a bordo.

Loading...

Le nuove disposizioni saranno in vigore dal 15 giugno

La compagnia aerea, per sopperire la crisi post-covid e per riuscire a mantenere le giuste distanze di sicurezza, ha preso questa decisione.

Dal 15 giugno, chi viaggerà in aereo non potrà portare a bordo bagagli a mano di grandi dimensioni, «al fine di limitare al massimo i movimenti nello stesso aeromobile»

Da sempre Ryanair è famosa per i posti a sedere molto stretti, dove è quasi impossibile non toccare con le ginocchia i posti davanti.

Per questo, è stata presa la decisione di conteggiare le ginocchia come bagaglio a mano, in modo tale da assicurarsi un ampio margine di qualità posti a sedere/incassi, visto le normative del DPCM in vigore.

Questa notizia ha scombussolato i passeggeri e tutti i viaggiatori, c’è chi ha addirittura pensato di farsi togliere le ginocchia per non pagare il prezzo extra.

“Dobbiamo superare la crisi e per questo servono misure straordinarie.

Non trovo corretto che le ginocchia facciano parte della normale amministrazione, credo fermamente che il pagamento extra per esse sia la scelta più saggia.

Da sempre i nostri sedili hanno dimostrato che le ginocchia sono opzionali, li abbiamo costruiti senza considerarle, quindi si è ritenuto necessario aggiungere un ticket extra.

Siamo sicuri che i passeggeri capiranno e come sempre continueranno a darci fiducia.

Abbiamo pensato anche di fare una colletta per i soldi del carburante: ci sembra eticamente corretto”.

Queste la parole di Michael O’Leary, ceo della compagnia aerea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *