• Mar. Mag 18th, 2021

Drammatico lutto nel calcio: il campione annuncia il decesso della figlia di soli 8 mesi

Apr 26, 2021

( di Gabriele G.)  È tramite un post pubblicato sul suo profilo Instagram che Ashley Cain, l’ex calciatore del Coventry City, ha annunciato la tragica notizia della morte di sua figlia.

LA PREMATURA SCOMPARSA DELLA PICCOLA AZAYLIA

È successo nel Regno Unito. La piccola Azaylia, figlia dell’ex calciatore Ashley Cain, è deceduta a soli otto mesi per via di una grave forma di leucemia mieloide acuta.

La piccola era nata nell’agosto del 2020 e, dopo solamente due mesi dal parto, le era stata diagnosticata la grave patologia.

LE CURE PRESSO L’OSPEDALE DI BIRMINGHAM

I medici, subito dopo aver scoperto la malattia della bambina, si erano attivati immediatamente, procedendo con la somministrazione di svariate cure.

Tuttavia, nonostante il pronto intervento del personale sanitario, le condizioni della bimba sono peggiorate progressivamente, sino a degenerare e raggiungere il punto di non ritorno nella seconda metà dell’aprile 2021.

LE STRAZIANTI PAROLE DEL PADRE

La drammatica morte della piccola Azaylia è stata resa nota dal calciatore stesso, attraverso un post pubblicato sul suo profilo Instagram.

Queste le parole di dolore scritte da Ashley Cain:
– “Riposa in Paradiso. Ti terrò sempre nel mio cuore fino a quando non potrò stringerti di nuovo”.

ERA SOLO QUESTIONE DI TEMPO PRIMA CHE MORISSE

L’ex centrocampista era solito aggiornare i suoi follower circa le condizioni della piccola mediante quotidiani post sui Social.

Molti, infatti, erano già a conoscenza delle drammatiche condizioni in cui si trovava la bambina: recentemente le erano stati individuati alcuni coaguli nella regione cerebrale e, pertanto, era solamente questione di tempo prima che morisse.

ERA STATA ORGANIZZATA UNA RACCOLTA FONDI

Mentre la bambina trascorreva gran parte del suo tempo in ospedale, i genitori avevano avviato un progetto pubblico il cui intervento della gente sarebbe risultato determinante.

Sostanzialmente, i due decisero di organizzare una raccolta fondi, con lo scopo di raccogliere quanti più soldi possibile, partire per Singapore e, infine, effettuare il trapianto necessario per la sopravvivenza della piccola.

Il progetto, nonostante stesse andando molto bene e avesse consentito alla coppia di accumulare oltre un milione e mezzo di sterline, è stato però vanificato dal rapido peggioramento delle condizioni di salute di Azaylia.

GLI ULTIMI MOMENTI PASSATI CON LA PICCOLA

Il repentino aggravarsi delle condizioni di salute della bambina ha spinto i due genitori a prendere un’importante decisione: riportare la figlia a casa e trascorrere assieme a lei gli ultimi istanti della sua breve vita.

A tal proposito, il padre della piccola ha dichiarato le seguenti parole:

– “Mia figlia ha avuto una vita dura da quando aveva otto settimane. Per questo, ho voluto che trascorresse l’ultima parte della sua vita a casa con noi. Ho voluto guardarla come una bambina e darle i migliori ultimi momenti della sua vita”.