È accaduto a Wuhan, due medici impegnati nella lotta al Covid-19 si sono risvegliati neri.

La scienza ancora non riesce a darsi una spiegazione per l ‘accaduto.

Loading...

Entrambi i medici erano stati messi in coma farmacologico per far fronte alla grave infezione polmonare che li aveva colpiti.

Dopo dieci giorni di coma per uno e dodici per l’altro, è arrivata la scioccante sorpresa:

entrambi non avevano più la pelle bianca, ma nera, una pigmentazione pressoché incredibile .

Il dottor Yi Fan e Hu Weifeng, 42 anni entrambi, si sono svegliati dopo oltre un mese in terapia intensiva.

La diversa pigmentazione della pelle è una conseguenza dell’utilizzo di un farmaco con cui è stata trattata la malattia e del malfunzionamento del fegato.

Secondo i medici, la pigmentazione tornerà normale appena il fegato riprenderà le sue normali funzionalità.

Yi e Hu lavoravano all’ospedale di Wuhan quando è scoppiata l’epidemia.

Il 18 gennaio sono risultati positivi e sono peggiorati molto velocemente.

Il dottor Yi è stato attaccato a un macchinario per 39 giorni, ma ora si è ripreso ed è in un reparto non di terapia intensiva.

Le condizioni del dottor Hu sono state ancora più gravi e ancora non è guarito del tutto.

Ma dopo 45 giorni attaccato alle macchine è tornato a parlare, ma è ancora in terapia intensiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *